L’Utl e L’Amministrazione commemorano Anna Teresa Stella a 220 anni dall’uccisione

Cultura e Spettacolo Secondo Piano

Con l’evento: “Sangue in Piazza- 27 aprile 1799: i delitti Savoia e Stella”

FASANO – Sono trascorsi 220 anni dal 27 aprile 1799, quando Anna Teresa Stella Goffredi venne uccisa nella piazza del Popolo (oggi Ciaia) di Fasano da tale Cataldo De Santis.  L’Università del Tempo Libero “San Francesco d’Assisi” e l’Assessorato alle Pari Opportunità la commemoreranno giovedì 2 maggio 2019, in P.zza Ciaia, alle ore 11. Nell’occasione, dopo il saluto e le riflessioni dell’assessore Cinzia Caroli, Palmina Cannone ne tratteggerà brevemente la figura.

Nel gennaio 1799 le truppe francesi del generale Championnet entrano a Napoli, dove il nostro concittadino Ignazio Ciaia ha frequentato i circoli giacobini.  Il Ciaia, designato membro del Direttorio della neonata Repubblica Partenopea, ne diviene Presidente nel mese di febbraio. In giugno l’esercito realista, sotto il comando del cardinale Ruffo, fa cadere il governo repubblicano. Il Ciaia con gli altri viene arrestato e condannato a morte il 29 ottobre successivo. Nel 1799, però, Fasano ebbe un’altra martire: Anna Teresa Stella, sposa di Lorenzo Goffredi e madre di Achille, Rocco, Luigi, Rachele, Carmela, Annibale, Raffaele, Giacinta. La signora Stella simpatizzava per le idee repubblicane. Fu uccisa dal realista (fedele al governo borbonico) Cataldo De Santis, animatore all’epoca di disordini nel nostro paese. In un rapporto del 1807 si legge “Cataldo De Santis (…)  giunse all’eccesso di far carcerare dai suoi satelliti una infelice signora  attaccatissima al governo francese, chiamata Anna Teresa Stella e, dopo averla messa alla berlina in piazza, la fece fucilare, ma perché sotto vari colpi di fucile non morì, corse egli con un coltellaccio da spietato tiranno su quella sventurata, e con un colpo le divise il capo dal busto; dopo aver trascinato il di lei cadavere per la piazza, lo divise in più pezzi e lo presentò agli onesti cittadini, che il popolo rivoluzionario aveva carcerato, dicendo: questa è una vostra compagna, così sarete anche voi ridotti”. Il 29 aprile 1799, i miseri resti della signora Goffredi furono seppelliti nella Chiesa Matrice.

La locale Università del Tempo Libero “San Francesco d’Assisi”, nel mese di aprile, ha tenuto degli incontri sugli eventi storici dell’epoca, che si concluderanno nel pomeriggio dello stesso 2 maggio, alle ore 18, nella propria Sala Convegni, con l’evento aperto a tutta la cittadinanza: “Sangue in Piazza- 27 aprile 1799: i delitti Savoia e Stella”. Relatore, avv. Giovanni Quaranta. 

Tagged

Lascia un commento