Serie D, basta un rigore al Fasano per imporsi nel derby con il Gravina

Calcio Prima Pagina

Ci pensa il solito Corvino a siglare la rete della vittoria nella 12esima giornata LE FOTO

FASANO – Si decide dagli undici metri il derby del “Curlo” con il Fasano che sfrutta a dovere l’occasione di rigore avuta e poi ha il merito di amministrare senza tante difficoltà. La 12esima giornata premia i biancazzurri che allungano a quattro la serie positiva, confermando di avere una marcia in più tra le mura amiche, dopo il doppio pari della Campania. Di contro i murgiani di mister Loseto confermano una particolare sterilità offensiva pur chiudendo la gara con ben cinque attaccanti, ma senza creare particolari insidie ai locali.

Il Fasano punta sul modulo 4-4-2 con la novità Prinari

Il tecnico di casa Laterza deve fare i conti con la defezione forzata di Ganci per squalifica. Punta ad un modulo 4-4-2 con la cabina di regia affidata a Schena e Titarelli, mentre in avanti c’è Prinari in coppia con Diaz.

Il Gravina si affida al 4-3-3 ma nel finale mette 5 attaccanti

Rispondono gli ospiti di mister Loseto con il collaudato modulo dei murgiani assestato sul 4-3-3 che vede in avanti il bomber Santoro in abbinamento con Ficara e Palermo, quest’ultimo retrocede a centrocampo in fase di non possesso. Nel finale di gara il tecnico manda in campo tutta la batteria dei suoi attaccanti con ben cinque punte.

L’esultanza di Vincenzo Corvino dopo la rete decisiva
Nel primo tempo decide il rigore di Corvino

In cronaca al 1’ ci prova Schena a scaldare le mani al portiere ospite Loliva. La risposta dei murgiani arriva al 5’ con Santoro che impegna Suma in una deviazione difficoltosa con Ficara che su ribattuta manda fuori da buona posizione. Ghiotta occasione al 11’ per Alvarez che chiama alla deviazione provvidenziale Suma, sulla ripartenza Diaz porta scompiglio nell’area del Gravina con Loliva che è costretto alla corta deviazione. Buona combinazione in area al 24’ tra Diaz e Prinari con quest’ultimo che cicca la palla al momento del tiro. Manca il vantaggio Corvino al 27’ con un tiro di precisione dal limite, al termine di una architettata azione d’attacco, che finisce di poco oltre l’incrocio. Contropiede pericoloso degli ospiti al 29’ con Ficara che chiama alla deviazione in corner la difesa di casa. Calcio di rigore per i locali al 31’ con Mbida che ha spinto Corvino. Dal dischetto va lo stesso Corvino che insacca con precisione. Punizione dalla distanza di Corvino al 40’ con parata in due tempi di Loliva.

Nella ripresa si amplifica la sterilità degli ospiti

Al pronti via Alvarez manca il pari da buona posizione con una staffilata dalla distanza. Un fuorigioco murgiano al 10’ invalida la marcatura di Ficara, su suggerimento di Santoro. Punizione dal limite da posizione defilata di D’Angelo al 13’ con la respinta in corner di Suma. Galoppata del neoentrato Forbes al 34’ con cross per Diaz che non riesce a trovare la deviazione vincente di testa. Gravina vicino al pari al 44’ con Tagliamonte che di testa manda di poco fuori un corner di Silletti. Sarà questa l’ultima azione di una gara decisa nel primo tempo nelle poche occasioni create con i locali bravi a concretizzare.

(fotoservizio Ricki Di Biase)

Il tabellino della gara

Us Città di Fasano-Fbc Gravina: 1-0 (1-0)
Reti: 31’ p.t. Corvino (F).
Us Città di Fasano: Suma, De Vitis, Pedicone (20’ s.t. Diop; 41’ s.t. Lorusso), Titarelli, Rizzo, Gonzalez, Serri (15’ s.t. Gomes Forbes), Schena (45’ s.t. Lanzone), Diaz, Corvino (41’ s.t. Cavaliere), Prinari. All. Laterza. A disposizione Rizzitano, Panebianco, Pittelli, Cochis Millicay.
Fbc Gravina: Loliva, Dentamaro (32’ s.t. Tagliamonte), Larosa (1’ s.t. Di Modugno), Silletti, Alvarez, D’Angelo, Palermo (1’ s.t. Coulibay), Mbida (18’ s.t. Bozzi), Santoro, Ficara, Gogovski (1’ s.t. Fiore). All. Loseto. A disposizione Signorile, Correnti, Caponero, Romeo.
Arbitro: Castellone di Napoli.
Note: Spettatori 1400 circa di cui una trentina ospiti. Ammoniti La Rosa (G), Mbida (G), De Vitis (F), D’Angelo (G), Prinari (F). Rec. p.t. 1’; s.t. 6’.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *