Raccolta differenziata, arrivano le maxi isole ecologiche

Attualità Prima Pagina

Si tratta di calotte informatizzate per ridurre la produzione di non riciclabile

FASANO – Le calotte informatizzate per ridurre la percentuale di rifiuti non riciclabili conferiti sul territorio. Un nuovo strumento che integrerà la raccolta differenziata porta a porta.

Le calotte arriveranno a Fasano lunedì 19 settembre e verranno collocate nelle maxi isole ecologiche di via Giardinelli, di via Roma nei pressi del supermercato Penny, di Savelletri in via degli Scavi (S.P. 90) nel parcheggio adiacente l’edificio scolastico, di Torre Canne in via Appia Antica all’interno del parcheggio antistante il ​Grand​Hotel​Serena.


Le calotte informatizzate consentiranno di monitorare l’andamento del rifiuto indifferenziato. Senza contare che, diminuendo il secco residuo conferito, aumenta la percentuale di raccolta differenziata fatta correttamente.


Per accedere alle calotte sarà necessaria, come sempre, l’ecotessera, ormai familiare a tutti i cittadini fasanesi, da avvicinare allo schermo per il riconoscimento dell’utenza.
Valgono sempre le regole di corretto conferimento in vigore per il ritiro porta a porta: nello specifico, per l’indifferenziato no sacchi neri, né materiali ingombranti o apparecchiature elettriche/elettroniche.

All’interno del non riciclabile vanno conferiti rifiuti quali posate e cannucce in plastica, mascherine e guanti monouso, carta forno, carta oleata, gusci di molluschi, articoli da cancelleria (penne, gomme), lamette da barba, scontrini fiscali, mozziconi di sigaretta, cotton fioc, pannolini/pannoloni,traverse.


Si ricorda, inoltre, che le isole ecologiche informatizzate e videosorvegliate sono uno strumento che va ad integrare la raccolta differenziata porta a porta, asset principale del servizio di igiene urbana: non vanno perciò utilizzate come modalità esclusiva per il conferimento dei propri rifiuti domestici; né tantomeno vanno trasformate in discariche in cui portare qualsiasi tipologia di oggetto/prodotto.

Tagged