Serie D, l’Us Fasano prova a ripartire dalla sfida interna contro la Fidelis Andria

Calcio

Nella nona giornata i biancazzurri affidati a mister Costantini cercano il cambio di rotta

FASANO – Caccia all’impresa per un Us Fasano rivoluzionato dall’esonero del tecnico Raimondo Catalano con la squadra affidata, temporaneamente, all’allenatore della juniores Vito Costantini. Siamo alla nona giornata ed al “Curlo” arriva la sfida con la Fidelis Andria per una posta in palio che scotta, alla luce dell’ultimo posto in classifica detenuto dai biancazzurri. I locali sono condannati a vincere per riprende subito la corsa salvezza, dopo aver incassato tre sconfitte di fila.

Non sarà facile, ma lo scossone arrivato ad inizio settimana potrebbe essere determinante per un gruppo che vuole riprendere subito la marcia, in attesa dell’ufficializzazione del nuovo tecnico e degli inevitabili ritocchi del mercato invernale. In merito le vacanze natalizie saranno caratterizzate da intenso lavoro per arrivare alla prima dell’anno catechizzati sulle idee del nuovo allenatore. Non ci sono voci che circolano sul successore di Catalano, ma la risposta potrebbe arrivare dalle facce presenti in tribuna.

Vito Costantini, il tecnico della Juniores che ha preso in carico la squadra

Sul fronte formazione non pochi sono i punti interrogativi, ma questa volta non sul piano delle disponibilità bensì su quello della disposizione in campo. In tal senso gli allenamenti a porte chiuse non aiutano a sciogliere il nodo.

Sull’altro fronte i ragazzi del tecnico Luigi Panarelli arrivano alla sfida con un filotto di tre risultati utili consecutivi, l’ultimo il pari centrato tra le mura amiche contro il quotato Casarano (1-1). Occhi puntati sull’ex di turno Tiziano Prinari, tra l’altro bomber della squadra con le tre reti all’attivo. La compagine federiciana predilige il modulo tattico 3-4-3 con in avanti Prinari, Matias Cristaldi e Federico Cerone.

Fischio d’inizio fissato alle ore 14:30 al “Curlo”, a porte chiuse, con la direzione di gara affidata a Francesco Burlando di Genoa.

Tagged

Lascia un commento