Serie A2 Femminile, La Dona punita dall’ex Moroni è fuori dai play-off

Calcio a 5 Secondo Piano Sport

Subito eliminata la compagine biancazzurra nella gara secca di Fondi

FONDI (Lt) – Nulla da fare per la Dona five Fasano che sul campo della Vis Fondi (6-1) incassa una sconfitta che la estromette da subito dagli spareggi play-off. Nell’anticipo del primo turno, in gara secca sul campo delle laziali meglio piazzate nel girone C, le biancazzurre di coach Michele Pannarale pagano dazio di fronte ad una scatenata Brenta Moroni. Proprio l’ex di turno ha rifilato una cinquina di reti che dimostra a pieno la giornata di grazia della compagine allenata da Emilio Cibelli.

Un risultato pesante nel punteggio che non rende l’idea di quanto si è visto in campo, dove le fasanesi hanno sfoderando un pressing asfissiante, ma hanno peccato proprio negli ultimi metri del campo, dove non sono riuscite a trovare la via del gol.

Una sconfitta che cancella i sogni di gloria delle fasanaesi

Una sconfitta che mette la parola fine ad una stagione importante per la Dona five Fasano che forse, con un pizzico di fortuna in più, poteva approcciarsi agli spareggi con un miglior piazzamento in classifica. Infatti il terzo posto ha costretto le biancazzurre a giocare in trasferta la prima fase, in gara secca, patendo oltre misura il campo laziale.

Il coach Michele Pannarale ed il capitano Patrizia Convertino
Buon pressing ma una conclamata sterilità ha condizionato la gara

La Dona five Fasano è mancata nei suoi fondamentali, non riuscendo a concretizzare la grossa mole di gioco, viceversa ha pagato dazio al primo affondo delle locali, decisamente galvanizzate da un’incontenibile Moroni. La rete delle biancazzurre l’ha realizzata Doris Osman, per il momentaneo 2-1, ma il successivo affondo della solita bomber laziale ha spento sul nascere le speranze fasanesi di un ribaltone. Nel finale la carta del giocatore di movimento ha inevitabilmente, di fronte ad una conclamata sterilità offensiva delle fasanesi, agevolato la goleata delle locali che, comunque, non cancellano la buona prova offerta dalle biancazzurre, almeno sul piano dell’impegno.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *