Serie A1, La Junior si impone fuori e ritorna a sperare

Pallamano Secondo Piano

Vittoria in rimonta con il Gaeta ed il distacco dai play-off ritorna a -1

Mfoods Carburex Gaeta-Acqua&sapone Junior Fasano: 25-27 (17-14)
Mfoods Carburex Gaeta: Scavone, Randes, Di Giulio (6), Lombardi (7), Amato (3), Uttaro, Marino (4), Ciccolella, Petrychko (1), Ciccolella, De Sousa (1), Aragona (1), Pantanella. All. Medina.
Acqua&sapone Junior Fasano: Fovio, Messina, De Santis, Radovcic (4), Venturi (1), Corcione (3), Angiolini (1), Pugliese (5), Bargelli, Bronzo (4), Donoso (5), Knezevic (2), Notarangelo (2), Palmisano, Vinci, Gallo. All. Ancona.
Arbitri: Bocchieri e Scavone.

BENEVENTO – La Junior Fasano mette fuori tutto il suo carattere e si impone contro un tenace Gaeta che approfittando dei soliti passaggi a vuoto dei biancazzurri ha condotto la gara a lunghi tratti, prima di capitolare nel finale.

Una vittoria che tiene ancora in corsa la Junior Fasano che approfittando della contemporanea battuta d’arresto del Cassano Magnago sul campo della capolista Bolzano (27-22) accorcia sulla quarta posizione riportandosi ad una sola lunghezza dai play-off, quando mancano solo tre gare alla fine.

Una giornata favorevole per continuare a sperare

Una giornata terminata nel migliore dei modi per una Junior Fasano che allo stesso tempo si deve mordere le mani per le tante occasioni sprecate in questa lunga ed estenuante rincorsa agli spareggi scudetto. Sarà senza dubbio un finale di stagione scoppiettante, ma come accade da qualche giornata a questa parte il destino dei fasanesi è e sarà anche nelle mani degli altri.

Sul rettangolo di gara di Benevento, ha vinto la Junior Fasano della linea verde, quella che ha saputo mettere finalmente in mostra i suoi giovani talenti, uno su tutti Davide Pugliese, capace anche di essere concreto in termini di reti. Senza dubbio è una vittoria sofferma, ma meritata, caratterizzata dall’uscita anzitempo di Marko Knezevic per infortunio che ha scombussolato i piani di coach Francesco Ancona.

La Junior Fasano nel corso di un time out

Al suono della sirena il merito è comunque del gruppo con un Vito Fovio che ha rispolverano i galloni di portiere pigliatutto, tenendo in gara la squadra nei momenti topici. Un plauso al solito Demis Radovcic che in posizione centrale ha messo fuori tutta la sua esperienza ed in fine esulta il tecnico che ha potuto far ruotare la panca senza far perdere di qualità al roster

L’infortunio del centrale Knezevic complica la sfida

La gara è stata anche quella degli ex turno, l’ucraino Stanislav Petrychko, oltre al fasanese Vito Claudio Marino. La pronti via subito un break di 3-0, sulle ali del solito Knezevic, che porta con la testa in avanti i biancazzurri, ma quando tutti si aspettavano un sfida già in discesa ecco quello che non ti aspetti: un contro-break di 8-0 per l’8-3 al 12’. Nel mezzo arrivava proprio l’infortunio di Knezevic che comprometteva il tutto. La Junior accusava il colpo e non bastavano le giocate di Radovcic, a rete con una sequenza di 2, per accendere la freccia. I padroni di casa prendono sempre più coraggio e sfruttano il momento di sbandamento difensivo degli ospiti arrivando a chiudere la prima frazione sul +3 (17-14), superando anche il tentativo al 24’ dell’aggancio ospite con palla in attacco sul -1 (13-12).

Nella ripresa il giocatore di movimento mina gli schemi dei locali

Nella ripresa i laziali sembrano poter amministrare il vantaggio arrivando anche a gestire il +4 (21-17) al 14’. La reazione della Junior Fasano si concretizza con il giocatore di movimento e con una particolare rotazione dei giocatori che confonde le idee dei locali. Il pari è confezionato al 21’ con Bronzo (21-21), ma il Gaeta accusa il colpo e non riesce a reagire. Il momento è favorevole ed ecco che Pugliese segna il +2 (21-23) al 25’, a ruota Radovcic per il +3 (21-24). La vittoria inizia a concretizzarsi all’orizzonte, ma un ritorno di fiamma riporta nuovamente a tiro di schioppo i locali al 28’ (23-24), prima del doppio vantaggio del solito Radovcic e del tiro di rimessa di Bronzo, fruttando la porta sguarnita alla luce della soluzione del giocatore dei movimento dei locali.

Ora due settimane di riposo e sfida interna contro la Metelli Cologne in programma il 20 aprile.

Tagged

Lascia un commento