La Virtual race sorride a 29 atleti che hanno sfidato il cronometro nella 4 giorni di gare

Atletica Secondo Piano

La prima sfida agonistica della Polisport dopo il lockdown premia tutti ECCO LE CLASSIFICHE

FASANO – Cala sipario sulla prima edizione della Virtual race, la competizione agonistica a cronometro organizzata dalla Polisport ciclo club Fasano. La prima uscita dopo il lockdown per il Covid-19 ha visto la partecipazione di 29 atleti che si sono sfidati nella lotta contro il tempo sul tracciato cittadino disegnato dagli organizzatori per la circostanza. Un percorso prestabilito di 9 chilometri che i podisti fasanesi hanno affrontato a turno ed in solitudine, cronometrando i loro tempi per poi stilare una classifica finale.

Angelo Gallo

I giorni di gara sono stati fissati dal 30 maggio al 2 giugno. Sotto il traguardo sono risultati tutti vincitori, anche se la Polisport ciclo club Fasano ha messo in palio un piccolo e simbolico riconoscimento, una mascherina griffata con il logo della società, che è andato a Pamela Lapadula, risultata anche la più veloce delle donne (41.06,360), dopo un sorteggio.

Pamela Lapadula

Il più veloce in assoluto è stato Paolo Napoletano (34.17,060), a seguire sul virtuale podio sono finiti Mimmo Liuzzi (34,04,000) e Luigi Bagorda (36.25,020). Una sfida che ha affascinato anche don Carlo Latorre ed Ilaria Cofano, al loro debutto assoluto.

Paolo Napoletano

Il nastro di partenza è stato fissato sul prolungamento di via Gramsci con il tracciato che si è snodato con direzione Monopoli attraversando le strade intercomunali prima di giungere all’arrivo fissato all’ingresso della città, venendo dalla zona industriale, in via Sant’Oronzo.

Ecco tutti i tempi dei partecipanti

I rilievi cronometrici degli atleti, partiti a cadenza di 10 minuti l’uno dall’altro, sono stati ricavati con il sistema Garmin, prima di essere instradati sulla classifica assoluta della gara.

Ecco tutti i tempi dei partecipanti
Prossima tappa in riva al mare di Torre Canne

La Polisport ciclo club Fasano è già a lavoro per la seconda tappa con l’obiettivo di portare la sfida contro il tempo, in una competizione agonistica, a due passi dal mare di Torre Canne. L’obiettivo resta quello di avvicinarsi di colmare il tempo dell’attesa dalla ripresa delle classiche competizioni, al momento ferme per la pandemia.

Tagged

Lascia un commento