Gofasano cambia look: grazie a tutti per i traguardi raggiunti

Editoriale Secondo Piano

Bette Davis una volta affermò che «la chiave della vita è accettare le sfide». Ebbene, quando mi è stato proposto di prendere le redini della testata GoFasano.it, ho pensato proprio a questo, ed ho accettato senza pensarci due volte. E sono felice per la scelta fatta. Sono stati mesi importanti questi trascorsi, fondamentali per riprendere il filo con i lettori, per farli affezionare al cambiamento. Una nuova guida e una squadra quasi del tutto rinnovata, attingendo dalle penne più brillanti della nostra Città. E i lettori ci hanno dato fiducia, anzi, hanno fatto molto di più: in pochi mesi abbiamo raggiunto numeri impressionanti, provando ad alzare giorno dopo giorno l’asticella della qualità, dell’efficienza, dell’integrità, della trasparenza.

E noi abbiamo voluto premiare tutta questa fiducia, regalando loro e regalandoci un abito nuovo di zecca. Era necessario chiudere il cerchio e dare un’impronta tutta nostra alla testata, che rispecchiasse meglio il carattere che vogliamo assumere e la direzione che vogliamo prendere. Quello che vedete da ieri, infatti, è il sito tutto nuovo, frutto di mesi di duro lavoro e di cambiamenti (che in realtà potranno verificarsi ancora, se questo servirà a migliorare). Abbiamo optato per una grafica più dinamica e intuitiva, auspicando di accontentare anche i palati più esigenti. Siamo certi che l’uso di una tecnologia più avanzata possa solo migliorare il rapporto con chi ci legge. A Leo Convertini, che ha curato il nuovo sito, il mio primo grazie.

La mia gratitudine ai lettori, prima di ogni cosa: grazie a loro abbiamo una media giornaliera di circa 15mila accessi al giornale. E infine, naturalmente alla mia squadra, senza il sostegno della quale nessun progetto sarebbe stato possibile da intraprendere: il mio braccio destro Marco Mancini, il direttore Giannicola D’Amico e la tutta la redazione; Barbara Castellano, Marisa Cassone, Dino Cassone, Cristiano Mancini, Ilaria Potenza, Mario Rosato, Francesco Schiavone e Tommaso Vetrugno. Un grazie a Pietro Deleonardis, per avermi ceduto il testimone. E a proposito di progetti, noi ne stiamo sognando tanti, perché «per realizzare grandi cose, non dobbiamo solo agire, ma anche sognare».

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *