Bergrennen-Mickhausen, una gara in salita oltre il cronometro per due piloti fasanesi

Auto Secondo Piano

Pagnelli e Conteduca inseguendo la passione sui tornati tedeschi

MICKHAUSEN (D) – Oltre il confine di stato, stampando chilometri su chilometri, ore ed ore di viaggi,o inseguendo il sogno di una gara automobilistica mitica, dove già arrivarci rappresenta una vittoria. Stiamo parlando della Bergrennen-Mickhausen, competizione valida per il campionato tedesco in salita, punto di riferimento a livello internazionale. Solo gli addetti ai lavori possono capire i sacrifici fatti dai piloti per passione Luigi Pagnelli e Piero Conteduca, per gli altri saranno solo dei pazzi da rinchiudere in un manicomio.

15 ore di viaggio per inseguire una passione oltre i risultati

Lasciare gli impegni di lavoro per una settimana, per caricarsi sulle spalle un viaggio di almeno 15 ore, solo andata, inseguendo l’obiettivo di partecipare, perché tutto il resto viene dopo.

Luigi Pagnelli e Piero Conteduca

Per Pagnelli e Conteduca è stata un’esperienza unica, fatta di socializzazione all’ennesima potenza, all’ombra dei tanti eventi che girano intorno alla competizione tedesca, in un periodo dopo la sagra della birra è al primo posto. Un lungo weekend vissuto insieme, con i due team che hanno lavorato sotto la stessa tenda, mettendo da parte le rivalità di campanile, ma cercando solo di divertirsi.

Pagnelli era già stato a questa manifestazione, ma solo da spettatore ed a distanza di soli due anni vi è tornato, portandosi dietro Conteduca.

In gara entrambi con un’intramontabile Fiat 500
Piero Conteduca, Fiat 500 Apulia Corse

Al via Pagnelli si è presentato con una Fiat 500 del Team Sabatelli, correndo sotto i colori della Fasano corse, mentre Conteduca si è presentato al via con una Fiat 500 del Team Pezzolla, correndo per i colori dell’Apulia corse. Entrambi inseriti nella stessa classe E1 che comprende autovetture fino a 1150 cc hanno pagato dazio al cospetto di vetture più performanti dello loro piccole da 700cc. Nel corso della gara che si sondava su tre manche hanno corso anche sotto la pioggia, rendendo la competizione ancora più spettacolare e difficile.

Luigi Pagnelli, Fiat 500 Fasano corse
Sotto il traguardo a ridosso del podio

Sotto il traguardo nel Gruppe E1-FIA,E1-BERG,H,FS,CTC/CGT bis 1150 ccm – Klasse 13 Pagnelli ha centro il quarto posto, mentre Conteduca il quinto, avendo avuto il merito di non mollare nel corso di una gara dove le avverse condizioni meteo hanno avuto il loro peso. Entrambi al traguardo, quindi, ma con la voglia di portare a casa i ricordi di una gara da ricordare.

La Mickhausen è un luogo dove tutti vorrebbero correre

La gara di montagna Mickhausen è un evento automobilistico per antonomasia. La competizione è valida per il campionato tedesco e per vari trofei ed è anche il finale di stagione per la Fia International Hill-Climb Challenge.

Il “nostro” Faggioli detentore del record

Un tracciato che fa parte della Provinciale tedesca A16 da Münster a Birkach. È lungo 2.200 metri e supera un dislivello di 76 metri. La carreggiata è larga 6,5 ​​metri. A partire dal 2007, il record è stato di 48.896 secondi per una velocità media di 162 km/h. A centrarlo è stato il francese Lionel Régal su una Formula Nippon tipo di auto da corsa Reynard-Mugen 01L. Nel 2011 il toscano Simone Faggioli ha migliorato lo ha ritoccato facendo fermare il cronometro a 46.903 secondi. Faggioli ha guidato con un’Osella FA 30.

La pit line della gara tedesca
Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *