Enrico Galiano agli studenti: “Volate in alto, trovate il vostro cielo”

Prima Pagina Scuola e Università

Si è tenuto lo scorso sabato l’incontro dello scrittore con gli studenti del Salvemini

FASANO – Dialogo, confronto, sorriso e atmosfera intima e spontanea hanno fatto da sfondo ad un incontro atteso da molto.

Enrico Galiano è stato ospite dell’Istituto “Salvemini” di Fasano. Tanti studenti, provenienti anche da altre scuole del territorio, hanno vissuto un momento di scuola intenso e “indimenticabile”. Il merito va senz’altro ad uno dei prof. più amato e seguito sul web: Enrico Galiano è un content creator, “il prof che fa amare i libri ai suoi ragazzi” secondo La Repubblica, il personaggio indiscusso della serie “Cose da prof” e del programma La Banda dei Fuori Classe; autore di Eppure cadiamo Felici (2017), Tutta la vita che vuoi (2018), Più forte di ogni addio (2019), Dormi stanotte sul mio cuore (2020). del saggio L’arte di sbagliare alla grande (2020) e dell’ultimissimo lavoro La società segreta dei Salvaparole (pubblicato pochi giorni fa).

Alle ore 17.00, nello spazio accogliente dell’Auditorium dell’istituto, il Professor Enrico Galiano si è accomodato in prima fila per guardare il video-contributo della classe 2^ del corso di Grafica a Comunicazione, che ha aperto un pomeriggio indimenticabile.  

Accolto da un vivo applauso, è stato invitato a sedere tra i ragazzi, sul palco colorato dell’auditorium. È lì, tra loro, che un normale e frivolo sabato pomeriggio si è trasformato in un momento di riflessione su ciò che sono oggi i ragazzi, sulle contraddizioni del tempo che vivono, sulla difficoltà di educare o di, semplicemente, comprendere.

Il prof. ha messo tutti, subito, a loro agio. La voce degli studenti, simpatica e spigliata, timida e tremante, decisa e determinata, fresca e giovane ha chiesto al prof come affrontare la vita e come superare le difficoltà.

Una studentessa ha pubblicamente ringraziato la sua mamma per esserle stata vicina in un momento di difficoltà e di solitudine. “Grazie alla mia mamma, oggi sono felice” ha detto con tutta la spontaneità e la freschezza che aveva. E ci piace immaginare che le mamme presenti all’incontro si siano chieste quanto e come siano state vicine ai loro figli.

Alla domanda di una studentessa “c’è mai stato un momento in cui ha pensato di mollare? E come l’ha affrontato?” il prof ha risposto, con l’autenticità che lo contraddistingue, che infinite volte ha pensato di mollare. Bisogna lottare e difendere le proprie idee, comprendere gli altri e crederci, sempre.

La realizzazione di una vita felice nel mondo e non contro il mondo resta una grande sfida da realizzare. Riprendendo il mito di Icaro e Dedalo, il grande prof. ha consigliato agli studenti in sala di non volare basso, di provare a volare molto in alto, andando anche vicino al sole, ma con ali più resistenti. E ad ognuno, comunque, ha suggerito di trovare il proprio cielo. Questo è stato il momento di riflessione più alto della serata.

Enrico Galiano ha parlato ad un pubblico variegato e attento, un pubblico di genitori, insegnanti e studenti. Ha dato vita alle emozioni più recondite dei ragazzi, ascoltandoli, guardandoli negli occhi senza pregiudizi, fidandosi di loro. E loro hanno vinto con la spontaneità, l’autenticità e la vitalità che li anima. Hanno fatto credere a tutti che il futuro sarà migliore del presente.

“Sono convinta che ci meritiamo un’esistenza più leggera“, ha scritto sui social la Dirigente dell’istituto “Salvemini”, prof.ssa Marella Convertino, alla conclusione dell’incontro.

Quando il tempo del confronto si è concluso, in auditorium, nessuno ha voluto lasciare lo spazio del confronto, quasi a voler fermare il tempo della riflessione e delle risposte urgenti e necessarie. Ha ragione Enrico Galiano quando ha scritto nel suo romanzo “Sei salvo quando non hai tutti i giorni voglia di scappare da dove sei” (cit. Felici contro il mondo).

“Facciamo tesoro di questa lezione ogni giorno e saremo tutti più felici” ha concluso la dirigente, prof.ssa Marella Convertino. Ce lo auguriamo tutti.

Si ringraziano: Il Presidio del Libro di Fasano e la fattiva collaborazione della Prof.ssa Annamaria Toma, gli studenti e i prof delle tre sedi dell’IISS “Salvemini” di Fasano che hanno contribuito all’organizzazione dell’evento: Anna Cannarile, Maia Povia, Paolo Sardella, Samuele Antico, Francesca Nardone, Nikita Sportelli, Umberto Verzola, la classe II Q e i professori Achille Chillà, Gianluca Greco, Angela Susca, Teresa Rubino e tutti gli studenti e i docenti che hanno contribuito e partecipato all’incontro.

Tagged