Pezze di Greco, il piccolo Sante alle finali de “Le Olimpiadi della prevenzione”

Prima Pagina Rubrica Scuola e Università

Attraverso un videogame messo a punto dall’Inail, si impara e si sostiene la sicurezza scolastica. Per portare la “G. Galilei” in finale, basta un like su Facebook

PEZZE DI GRECO – Non tutti i videogames sono potenzialmente nocivi, basta saper scegliere quelli giusti. “Gli ScacciaRischi” è uno di quelli educativi che fanno felici anche le mamme. Nato da un progetto intitolato “Gli SchiacciaRischi e le Olimpiadi della prevenzione” promosso dall’Inail – Direzione Regionale Puglia, mira a sensibilizzare ed informare gli studenti di ogni ordine e grado sui rischi presenti negli ambienti di vita (casa), di studio (scuola) e di lavoro (cantiere edile) attraverso un videogame con livelli differenziati e quiz specifici.

Da Pezze di Greco, arriva un finalista delle divertenti e sicure olimpiadi: Sante Saladino, 2B dell’Istituto comprensivo Galileo Galilei.

Dopo aver giocato una serie di avvincenti livelli, risposto a molteplici quiz, imparato attraverso le slides interattive quali sono i rischi negli ambienti di vita e le misure di protezione e prevenzione, il piccolo Sante ha acquisito bonus di punteggio attraverso la visualizzazione di video, cartoons e cortometraggi sul tema della sicurezza.

Scalando la classifica in rappresentanza della Galileo Galilei, Sante parteciperà al party game finale de “Le Olimpiadi della prevenzione”, pronto alla sfida per diventare “Campione della prevenzione” e consentire alla propria scuola di ricevere un premio in denaro da destinare al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza all’interno dell’ edificio scolastico. Il regolamento infatti prevede 5mila euro alla scuola prima classificata, 3mila alla seconda e mille alla terza.

Sante ha realizzato un video pubblicato sui social ma ha bisogno di raccogliere il maggior numero di like per poter vincere.

Qui il link: https://bit.ly/3cxdgp4

Aiutiamo e sosteniamo Sante e la scuola della frazione fasanese!

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *