La favola di Mago Cofano, una “storia di magia” tutta fasanese

Prima Pagina Rubrica

Il fasanese Francesco Cofano ha aderito al Club Magico Pugliese

FASANO – La magia non si può spiegare. È questo il credo di un giovanissimo fasanese con l’innata passione per la magia che, passo dopo passo, sta cercando di portare sul proscenio nazionale, grazie ai suoi studi e soprattutto con la sua fantasia e la sua simpatia che caratterizzano i numeri  presentati in vari luoghi italiani.

Lui è Francesco Cofano, in arte Mago Cofano, che da qualche anno si sta facendo spazio nell’affascinante e difficile mondo della magia, mietendo successi e riconoscimenti, ultimo in ordine di tempo l’ambito “Premio della critica” ottenuto al “Festival del cabaret” svoltosi a Martina Franca. “Per aver saputo fornire un linguaggio nuovo alla magia comica”, la motivazione che ha portato il mago fasanese ad ottenere l’ambito riconoscimento che di fatto lo consacra nel mondo dei maghi che oltre a stupire fanno anche sorridere e divertire. Come? Unendo ai loro giochi di prestigio un pizzico di comicità, che di fatto li inserisce nell’affascinante e sempre più interessante categoria della magia comica.

“È una passione che ho cominciato a coltivare quando avevo 16 anni – afferma Mago Cofano – guardando il “Campionato Italiano di Magia”. Un evento che mi ha letteralmente colpito sino al punto di indurmi ad iscrivermi al Club Magico Pugliese dove, grazie al maestro Roberto Mucci, ho cominciato a studiare le tecniche della magia. Ho iniziato ad esibirmi con numeri classici ma questo non mi soddisfaceva perchè credo che la gente oltre che stupirla devi anche intrattenerla con un pizzico di comicità”. Inizia così la strada nel mondo della magia comica del giovane mago che di fatto vede schiudersi anche le porte del cabaret che presto lo portano ad incassare una serie di premi, come quello conseguito a Roma al “Trofeo Arsenio”.

Il passo successivo è stata la partecipazione al programma televisivo Zelig Time in onda su canale 63di Zelig tv con un numero ispirato al Giappone e successivamente al noto programma di Michele Cucuzza “Buon pomeriggio” in onda su Telenorba. “Ho studiato tutto il comparto della magia prima di approdare a questa particolare branca che mi diverte molto – spiega il Mago Cofano – ma per affinare il tutto è chiaro che ho dovuto intraprendere anche gli studi di comicità. Il tutto mi permette di creare numeri che nascono esclusivamente dalle mie ispirazioni e dal tipo di numero che voglio realizzare. Non ci sono tecniche precise preesistenti che adotto per ogni esibizione perché la parte tecnica dei miei numeri viene realizzata in base a cosa voglio portare in scena. Una sorta di magia controcorrente che si realizza grazie alle preziose collaborazioni con Alessio Tagliente, autore di diversi testi e con Roberto Mucci con la quale realizziamo i vari numeri”.

Ma cosa è la magia per Francesco Cofano? “La magia è un arte molto concreta, ma che realmente non si può spiegare – precisa il mago fasanese – e vi assicuro che per tutto ciò che si vuol realizzare c’è un metodo da adottare che nel mio caso va creato”.  Una piccola carriera artistica ancora tutta da sviluppare per il giovane artista fasanese che nel frattempo sta per laurearsi in Economia Aziendale e che nel suo cassetto ha certamente riposto la speranza di continuare ad incantare e far sorridere tutti gli spettatori che sino ad oggi hanno avuto la possibilità di ammirare dal vivo le sue “magiche” esibizioni. Esattamente come da tempo fanno i suoi due miti ispiratori: Mago Forest e Francesco Scimeni, considerati dal nostro Mago Cofano i migliori interpreti del mondo della magia comica.

Qui il video della partecipazione a Zelig Time: https://vimeo.com/326522589

Michele Cavallo

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *