Scianaro attacca: «Io in trincea con i medici. Il sindaco non sa di cosa parla»

Consiglio Comunale Politica Secondo Piano

Il duro attacco del consigliere al sindaco Francesco Zaccaria

FASANO – Non si è fatta attendere la replica del consigliere comunale Antonio Scianaro alle dichiarazioni rilasciate dal sindaco Francesco Zaccaria dopo lo scontro avvenuto in attesa del consiglio comunale di ieri. Il consigliere Scianaro aveva chiesto di valutare l’opportunità di attivare presso l’ex Ospedale Umberto I di Fasano, di concerto con la Regione Puglia, un reparto di riabilitazione respiratoria post acuti, per accompagnare i pazienti colpiti da infezione da coronavirus nella fase riabilitativa, ma il sindaco aveva risposto con un secco “Non è il momento di star dietro alla sua campagna elettorale”.

Scianaro ha così replicato a sua volta.

“Mi fa piacere – sottolinea il consigliere – che il sindaco Zaccaria (PD) abbia voluto attraverso uno dei suoi tanti comunicati, far sapere alla città che oggi, alla luce della Emergenza Internazionale alla quale siamo tutti interessati, dichiarare che è “inaccettabile, nonostante il momento… che il consigliere Scianaro ne approfitti per il suo solito show politico”.

Non ho bisogno di prime pagine nè di speculare, so benissimo di cosa sto parlando e cosa chiedo: dotare l’ex Ospedale Umberto I di un reparto di Riabilitazione respiratoria post acuti.

Caro sindaco, il sottoscritto insieme ai tanti operatori sanitari da circa due mesi è in trincea per l’emergenza Coronavirus.

Forse Lei non sa di cosa stiamo parlando, la salute dei cittadini di Fasano non è all’ordine del giorno della sua amministrazione, nonostante la presenza di alcuni operatori sanitari.

Un eccellenza del territorio che soddisfava un bacino demografico non indifferente, barattandolo con 30 posti letto dei quali non c’è ombra e traccia se non limitata a 10 posti letto assolutamente insufficienti.

Lei parla di emergenza? Le ricordo che superata questa, la post-acuzie respiratoria è di fondamentale importanza, e Lei dovrebbe essere a conoscenza che tanti malati stanno superando la fase acuta ed avranno bisogno per la definitiva guarigione, di riabilitazione prima di rientrare a casa.

Ma lei giustamente fa parte di quel Governo Regionale (Pd), fatto di slogan, comunicati fiume e di tuttologi, che con la chiusura di circa 20 ospedali ha desertificato la sanità in Puglia, incapace di attivare i 40 posti di Terapia Intensiva a Lecce per la presenza di un serbatoio, e gli 8 posti letto sempre di Terapia Intensiva a Francavilla Fontana presenti solo sulla carta dal 2009 e mai attivati.

Ormai Sindaco le sue offese mi scivolano, non avendo più giustificazioni a tutte le incongruenze  quotidiane la butta sempre “sul fuori tema”.

Oggi in consiglio comunale straordinario, si è persa una grande opportunità per la nostra comunità: quella di candidare all’attenzione della Regione Puglia, attraverso i suoi autorevoli referenti istituzionali, l’ex Ospedale Umberto I a reparto di Riabilitazione respiratoria post acuti, un servizio di straordinaria utilità a prescindere dall’emergenza in corso.

Sono trascorsi ormai quattro anni dall’inizio del suo mandato, faccia presto e si sbrighi. Della città ecosostenibile tanto decantata nella campagna elettorale abbiamo ereditato solo paletti, “il sindaco dei paletti”, il basolato del centro storico da mesi e mesi attende, le luci di viale Stazione nemmeno a parlarne, per non aggiungere di tutto il resto.

Stia tranquillo, pensi alle sue inutili campagne elettorali, ne ha appena terminata una il 12 gennaio, ed altre ne dovrà affrontare a breve ma questa città, non può e non deve fermarsi, sono tante le cose da risolvere ed occorre fare presto”.

Tagged

1 thought on “Scianaro attacca: «Io in trincea con i medici. Il sindaco non sa di cosa parla»

  1. Sono con Scianaro. Evidentemente il Sindaco Zaccaria non si rende conto di quello che sta succedendo e che ancora succederà, mi auguro che ripensi su quello che ha detto e prenda provvedimenti seri per l’allestimento della rianimazione nel nostro Ospedale di Fasano. Grazie e un in bocca al lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *