Regionali, si scaldano i motori. Scianaro: «Centrodestra torni unito»

Politica Secondo Piano

Le parole dell’ex consigliere regionale. Così Nuccio Altieri rischia di far perdere nuovamente il centrodestra

FASANO – Quest’anno sarà anche l’anno del rinnovo del consiglio regionale pugliese, con l’elezione del nuovo presidente. Se nel centro sinistra è certa, dopo la vittoria delle primarie, la candidatura dell’uscente Michele Emiliano (ma non è detto che alla fine non si aggiungano sorprese), nel centrodestra invece a spaccare gli intenti è la pretesa del leghista Nuccio Altieri (ex deputato fittiano) che mette in discussione la candidatura di Raffaele Fitto come indirizzo unico per tutto il centrodestra pugliese. Tutto ciò provoca non pochi malumori anche in Fratelli d’Italia (partito di Fitto) e Forza Italia (che spinge per la candidatura dell’ex alleato storico di Berlusconi).

«La Puglia dopo 15 anni di governo Vendola – Emiliano va liberata. Si è perso già molto tempo ed occorre fare presto».

A dichiararlo è l’ex consigliere Regionale Antonio Scianaro.

«Ho espresso anch’io nel coordinamento regionale della Lega, come l’onorevole Andrea Caroppo, le mie forti titubanze sia sul tempo perso che sulla candidatura dell’amico Nuccio Altieri, avendo raccolto sul territorio da molti simpatizzanti ed iscritti, non poche perplessità.

Non si può continuare ad attorcigliarsi ed a fare melina, basta con i suicidi politici, gli errori del passato non vanno assolutamente ripetuti.

È necessario un cambio di passo. Le inefficienze di chi sta governando questa Regione in materia sanitaria le abbiamo toccate con mano in questo particolare momento di emergenza COVID 19, ed in tutti questi anni per i danni da Xyilella, per la perdita dei fondi del PSR in agricoltura, per la mancanza del piano regionale dei Rifiuti e per il mancato sostegno alle imprese ed al turismo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *