Giunta e violazione della legge Delrio, il caso finisce in Parlamento

Politica Prima Pagina

Interrogazione di D’Attis al Ministro dell’Interno: “legge non rispettata da 15 mesi”

FASANO – La composizione della Giunta comunale di Fasano, nello specifico il mancato rispetto delle quote di genere, arriva sui banchi del Governo con un’interrogazione al ministero dell’Interno presentata oggi dal deputato e coordinatore di Forza Italia Puglia, onorevole Mauro D’Attis. Proprio poco fa, in Consiglio comunale, la consigliera Laura De Mola – assieme a tutta l’opposizione – ha interrogato il Sindaco Zaccaria, preannunciando la richiesta di intervento al Ministro Lamorgese per mezzo del parlamentare pugliese. Il sindaco ha ribadito la volontà di sanare la situazione nel più breve tempo possibile.

“La legge Delrio, risalente al 2014 – sottolinea D’Attis – prevede che nella composizione della giunta ciascun sesso debba esser rappresentato almeno al 40 per cento. Una prescrizione evidentemente non nota al sindaco Zaccaria poiché da quasi quindici mesi, con una breve interruzione, uno dei due sessi è sottorappresentato all’interno della compagine di governo della città: sei assessori, di cui quattro uomini e due donne, ben sotto la soglia minima prevista dalla legge”, spiega il coordinatore azzurro.

Nell’interrogazione sono riportati i mutamenti occorsi in giunta dall’aprile 2018 a oggi, da cui emerge che dal 29 luglio 2018, con la sostituzione dell’assessore Angelini con l’assessore Ventrella si è venuto a creare uno squilibrio nei rapporti di genere, passati a quattro uomini e due donne. Situazione immutata fino al marzo 2019, quando la giunta è scesa a cinque componenti per la revoca delle deleghe all’assessore De Leonardis. Altri tre mesi e si è tornati a una situazione illegittima in seguito alla nomina ad assessore di Giuseppe Galeota.

“Visti i continui rimpasti e il conseguente via vai che ha caratterizzato l’ultimo anno e mezzo della giunta Zaccaria è persino comprensibile un errore in buona fede, a cui però avrebbe dovuto seguire un’immediata correzione di rotta, così come accaduto in altri comuni, come ad esempio Firenze. E invece il sindaco non solo non ha rispettato le quote rose previste dalla legge ma ha anche ignorato la richiesta di chiarimento presentata dai consiglieri di opposizione, dopo che gli stessi avevano già depositato un esposto al Prefetto. Di fronte a questa palese ignoranza della legge e mancanza di rispetto nei confronti dei consiglieri e della cittadinanza, ho ritenuto opportuno coinvolgere il ministero dell’Interno”, conclude D’Attis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *