Fondi regionali per l’edilizia popolare di Fasano e Pezze di Greco, Legrottaglie presenta una mozione

Politica Secondo Piano

La nota della consigliera comunale

FASANO – Loredana Legrottaglie, consigliere comunale di Fasano Democratica, presenta una mozione in merito alla questione “Fondi regionali per il recupero e la messa in sicurezza dell’edilizia popolare di Fasano e Pezze di Greco”.

«Preso atto della deliberazione di Giunta (n. 2419 del 19.12.2019), in cui l’Organo di Governo Regionale ha inteso valorizzare l’edilizia popolare stanziando circa 80 milioni di euro per finanziare i seguenti interventi:

  1. recupero e/o manutenzione straordinaria di immobili di edilizia residenziale pubblica (a cura dei Comuni) e per l’acquisto di alloggi invenduti a cura delle ARCA;
  2. recupero, riqualificazione, ampliamento o nuova realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria nell’ambito di insediamenti di edilizia residenziale pubblica;
  3. recupero e/o manutenzione straordinaria alloggi a cura di privati;
  4. nuova costruzione di alloggi sociali a cura delle ARCA e dei Comuni;
    E considerando che la Legge Regionale n. 22 del 20.5.2014, rubricata “Riordino delle funzioni amministrative in materia di edilizia residenziale pubblica e sociale e riforma degli enti regionali operanti nel settore”, prevede l’avvio di un programma pluriennale regionale sulla base del rilevamento dei fabbisogni abitativi e delle proposte comunali, avvalendosi del supporto conoscitivo e proposltivo dell’Osservatorio regionale della condizione abitativa.

    Ho preparato una mozione – scrive la Legrottaglie – che impegni il Comune di Fasano, proprietario insieme a diversi enti Pubblici, tra cui l’ARCA (ex IACP) di immobili adibiti ad alloggi “popolari”, ad aderire al Programma regionale “ABITARE SOSTENIBILE E SOLIDALE” per poterli riqualificare e ristrutturare.
    Chiedo dunque che venga discussa e votata dall’assise comunale, nella prossima convocazione, la mozione che impegna l’Amministrazione Comunale a compiere tutti gli atti necessari al fine di partecipare al bando regionale».
Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *