Fondi per asili nido e scuola dell’infanzia, Italia Viva: «Il comune presenti un progetto»

Politica Secondo Piano


La nota della coordinatrice provinciale Tiziana Palmisano

«Il 23 marzo è stato pubblicato l’avviso che permette ai comuni di avere accesso alla prima tranche del Fondo asili nido e scuole dell’infanzia, pari a € 700 milioni, necessari per garantire la possibilità di finanziare gli interventi riguardanti messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei comuni che sono destinati a nidi, scuole dell’infanzia e centri polifunzionali per i servizi alle famiglie».

A dichiararlo è Tiziana Palmisano, coordinatrice provinciale di Italia Viva.

«I comuni – prosegue Palmisano – potranno presentare i progetti dalle ore 10:00 del 24 marzo 2021 ed entro e non oltre le ore 15:00 del 21 maggio 2021, utilizzando la piattaforma del Ministero dell’istruzione “Edilizia scolastica”.
Il primo finanziamento di € 700 milioni per il quinquennio dal 2021 al 2025, rispetto ai € 2,5 miliardi previsti fino al 2034, prevede:
€ 280 milioni per i nidi, di cui € 168 milioni alle aree svantaggiate;€ 175 milioni per le scuole dell’infanzia, di cui € 105 milioni alle aree svantaggiate;€ 105 milioni per i centri polifunzionali per i servizi alle famiglie, di cui € 63 milioni alle aree svantaggiate;€ 140 milioni per la riconversione di spazi delle scuole dell’infanzia attualmente inutilizzati e per progetti innovativi.
Questa misura,  fa parte del FamilyAct ed è stata inserita nella Legge di Bilancio, grazie all’instancabile lavoro della Ministra Elena Bonetti. 
Questi investimenti, rappresentano appieno i principi su cui si fonda il Next Generation EU, approvato allo scopo di rafforzare le garanzie per i giovani attraverso investimenti sull’istruzione e sulla formazione.

Auspichiamo che il Comune di Fasano non si lasci scappare un’occasione simile. Un Governo che sceglie di investire in educazione ed in edilizia scolastica, sta coltivando una visione lungimirante, costruendo il futuro delle generazioni prossime. Ci auguriamo che l’amministrazione comunale presenti un progetto, per permettere alla città di ottenere i fondi necessari a rendere sicure e all’avanguardia le nostre scuole, investendo in manutenzioni ordinarie e straordinarie e in rigenerazione, tanto degli spazi quanto degli ambienti di apprendimento.
Diversamente, sarebbe davvero un peccato per la Città di Fasano, perdere questa fondamentale opportunità  di mettere in cima alle priorità dell’amministrazione il ruolo della scuola e dei giovani che tanto stanno pagando il prezzo di questa pandemia».