Fitto presenta “La Puglia Domani” con Scianaro: «Emiliano ha fallito»

Politica Prima Pagina

«La coesione del centrodestra – insiste Scianaro – costituisce un punto fondamentale dal quale partire»

È stata resentata ieri mattina, presso l’Hotel Mirage di Carovigno, la lista dei cinque candidati di Brindisi al Consiglio regionale de “La Puglia Domani”, l’unica lista civica del candidato presidente del centrodestra, Raffaele Fitto, che ha presenziato all’evento. Tra i pretendenti ad uno scranno in via Gentile anche l’ex consigliere regionale e attuale consigliere comunale fasanese Antonio Scianaro.

«La Puglia è una regione strategica per il Mezzogiorno e dopo il fallimento operato negli anni dai governi di centrosinistra
ora, con Raffaele Fitto, c’è una grande opportunità per liberare la nostra Regione – ha commentato a margine Scianaro -. La
malagestione del governo Emiliano si è abbattuta sulla sanità, sull’agricoltura, sulle infrastrutture e tanto altro ancora. La
coesione del centrodestra costituisce un punto fondamentale dal quale partire per costruire una proposta di forte cambiamento, che riaccenda nei pugliesi la speranza di una migliore qualità della
vita». «Per noi le liste sono una cosa seria perché le elezioni lo sono e abbiamo schierato il meglio della nostra classe dirigente – ha sottolineato Fitto -. C’è chi ha scelto di fare tante liste inutili, quando la legge elettorale è chiara: se una lista non raggiunge il 4% non concorre all’elezione dei candidati. Le liste, quindi, devono essere competitive con candidati che corrono per essere eletti e non per finire in un “supermarket”, come sta accadendo in
questi giorni da ‘altre parti’. Alla farsa della politica abbiamo scelto di rispondere semplificando la scelta degli elettori: meno
liste, ma tutte fortissime. Come ‘La Puglia Domani’, la nostra civica, che ha l’obiettivo di dare un contributo qualitativo alla
nostra coalizione e a tutta la Regione con persone che provengono dalla società civile ed altre che, invece, hanno un bagaglio politico già consolidato».

Lascia un commento