Concessioni demaniali, bocciata la mozione Di Bari. Zaccaria: «Siamo in fase di istruttoria»

Politica Secondo Piano

In Consiglio comunale si accende il dibattito: questa mattina i concessionari si sono ritrovati dinanzi al Comune

FASANO – Poco fa il Consiglio comunale ha bocciato la mozione presentata dal consigliere Lello Di Bari in merito all’estensione delle concessioni demaniali al 2033. Dopo le precisazioni dell’assessore Galeota che ha precisato di come il Comune sia già in fase di istruttoria, Lello Di Bari ha affermato come gli uffici preposti al momento abbiano solo disposto una proroga per i concessionari al 30 giugno 2021 – l’Amministrazione insiste a dire che non si tratti di una proroga – non altro più di questo. L’ex sindaco invece non chiede una proroga che ma che il Comune si adegui alla legge nazionale in tal senso e dunque approvi l’estensione al 2033, firmando il rinnovo totale delle concessioni.

Il sindaco Francesco Zaccaria ha poco fa comunicato quanto segue: «La polemica sulle concessioni demaniali, strumentalmente creata a scopo di campagna elettorale, non ha ragione di esistere. La nostra amministrazione ha a cuore tutti i settori produttivi della città, a partire dal turismo, fondamentale per il benessere e lo sviluppo del nostro territorio: abbiamo quindi scelto di adottare l’atto di indirizzo sulle concessioni demaniali addirittura sei mesi fa, nel pieno dell’emergenza Covid, prorogandole al 2033. Questa volontà è stata ufficializzata con la delibera di Giunta n. 87 del 7 maggio 2020, l’unico atto adottato dalla nostra amministrazione. L’unico atto che “parla”. Gli uffici preposti stanno conducendo la dovuta istruttoria, che si concluderà in tempi ragionevoli, nonostante le tante sentenze contraddittorie che hanno ingarbugliato il lavoro dei dirigenti e nonostante si attenda una legge ad hoc del Governo nazionale. Questa è la realtà, fatta di atti ufficiali. Tutto il resto è speculazione politica».

Parole contestate dal consigliere comunale Di Bari e dalla consigliera Legrottaglie, che spalleggiando il primo ha ribadito la necessità di adeguarsi alla legge immediatamente.

Proprio questa mattina diversi concessionari si sono ritrovati dinanzi a Palazzo di Città per manifestare il loro dissenso verso le scelte dell’Amministrazione. Sono poi stati ricevuti dall’assessore Galeota.

Il dibattito sembra non essersi chiuso qui poiché Di Bari non accenna a fare passi indietro.

Tagged

Lascia un commento