Un quintetto straordinario inaugura la nuova Stagione di musica da camera di Fasano

Cultura e Spettacolo Prima Pagina

Tommaso Lonquich, Cecilia Ziano, Fabiola Tedesco, Claudio Laureti e Roberto Mansueto protagonisti del concerto d’apertura del cartellone approntato dall’Accademia dei Cameristi di Bari

FASANO – Parte benissimo la XII Stagione di musica da camera di Fasano, organizzata come di consueto dall’Accademia dei Cameristi di Bari, sotto la direzione impeccabile di Mariarita Alfino in collaborazione con la nostra Amministrazione comunale.

Nel primo concerto, che si è svolto ieri (23 novembre) per la prima volta nella Sala di Rappresentanza di palazzo di Città, si sono esibiti Tommaso Lonquich al clarinetto, Claudio Laureti alla viola, Roberto Mansueto al violoncello, Fabiola Tedesco e Cecilia Ziano al violino. Cinque sontuosi musicisti, dai curricula direttamente proporzionali al loro talento.

In apertura di serata i saluti e i ringraziamenti istituzionali della stessa Alfino, che ha sottolineato l’importanza che rivestono rassegne come questa per diffondere a più ampio raggio la musica colta. Due le proposte musicali, originali e come sempre di rara esecuzione – da sempre il marchio di fabbrica dell’Accademia – che hanno celebrato uno strumento in particolare: il clarinetto.

Nella prima parte i cinque concertisti hanno eseguito Souvenir de voyage, scritto nel 1967 dall’americano Bernard Herrmann, celebre autore di colonne sonore, come Quarto potere, Psyco e Taxi Driver, e vincitore di un premio Oscar. Tre i movimenti: lento, molto tranquillo, allegro; berceuse e andantino, canto amoroso. Opera sublime suonata con soave riverenza e un’energia trattenuta.

Energia che i musicisti hanno potuto scatenare in tutto il loro virtuosismo nella seconda composizione, il brioso Quintetto per clarinetto e archi in si bem. magg. op.34 scritto dal tedesco Carl Maria von Weber nel 1815. Quattro i movimenti: allegro, fantasia, minuetto e gioioso.

Come bis, un piccolo gioiello: uno struggente Abendlies che Schumann scrisse per i suoi figli e che Ferruccio Busoni arrangiò a soli 14 anni come regalo a suo padre clarinettista.

Il prossimo appuntamento è per il 18 gennaio 2022 con il trio Bonaita, Piccotti e la nostra Viviana Velardi. Imperdibile.

Tagged