“Spoiler”, il Rotary porta le sigle delle serie tv in concerto al Mastroianni

Cultura e Spettacolo Prima Pagina

Il club fasanese ha organizzato questo concerto inedito per raccogliere fondi da destinare alle Residenze Sociosanitarie di Assistenza per Anziani della città

FASANO – Pensate alle vostre serie tv preferite iniziare senza la sigla. È un esercizio difficile, perché le colonne sonore sono importanti per costruirne la magia. E il Rotary Club di Fasano, presieduto da Beniamino Attoma Pepe, ha pensato a un concerto per celebrare la musica delle serie tv tradizionali e contemporanee.

Si tratta di un progetto nuovo e unico, perché le colonne sonore saranno riarrangiate e suonate dal vivo dai musicisti Antonio Conte, Fabrizio Convertini, Andrea Manghisi e Alessandro De Blasio al Cinema Mastroianni il prossimo 3 maggio.

L’idea di “Spoiler“, il nome dell’evento, è di Beniamino Attoma Pepe che l’ha promossa anche per raccogliere fondi per un service a favore delle Residenze Sociosanitarie di Assistenza per Anziani di Fasano. Il club donerà infatti alcune stampe di fotografie provenienti dall’archivio Diasio, il fotografo che tra gli anni ’50 e ’70 ha raccontato per immagini i cambiamenti sociali, urbanistici e culturali del paese. Le stampe saranno collocate negli spazi comuni delle strutture, diventando motivo di intrattenimento e di confronto tra gli ospiti e i familiari.

Pensate a quante volte, vedendo apparire sullo schermo il logo di Hbo, vi siano subito venuti in mente gli archi della sigla del Trono di Spade: fin da quei primi secondi ci si può affezionare a una serie, perché lì è racchiusa la sua essenza, l’identità di tutti i personaggi a cui siamo legati.

Il mondo delle serie tv ha regalato sigle memorabili e l’occasione messa a punto dal Rotary Club di Fasano sarà utile a riviverne le sequenze più belle e, perché no, a decidere di iniziare proprio quella serie che ci si era ripromessi di non guardare. Sono previsti solo due requisiti all’ingresso, un contributo di 15 euro da destinare al service e la promessa di non “spoilerare”.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *