Rapporto tra impegno religioso e legalità, se ne parla a LegalItria

Cultura e Spettacolo Secondo Piano

Il webinar rientra nell’ambito della quarta edizione del Festival nazionale della Legalità

FASANO – Il rapporto tra fede e legalità è andato avanti negli anni tra mille contraddizioni. Per questo, nel prossimo appuntamento in streaming con il Festival LegalItria, domani (giovedì 25 marzo) a partire dalle 18.30, si intende approfondire l’intreccio tra l’impegno religioso e la legalità, facendo intervenire chi è impegnato sul campo, con il recupero dei ragazzi a rischio di devianza, di tossicodipendenza, di mafia. L’impegno religioso è in contrapposizione all’uso criminale dei simboli e dei riti religiosi, pertanto diventa argomento e contenuto di LegalItria 2021, in una chiave che è quella del ripristino della verità. La conoscenza dell’impegno religioso è fondamentale per riconoscere i fenomeni di devianza ed affrontarli collettivamente.

Tradurre i valori in impegno dunque, come faceva il giudice Rosario Livatino, considerato Servo di Dio dalla Chiesa Cattolica. Fede e diritto – diceva – sono due realtà “continuamente interdipendenti fra loro, sono continuamente in reciproco contatto, quotidianamente sottoposte ad un confronto a volte armonioso, a volte lacerante, ma sempre vitale, sempre indispensabile”.

All’incontro “LegalItria è Fede e legalità”, moderato dal direttore artistico del Festival Leonardo Palmisano, interverranno suor Marinella Pallonetto FMA – salesiana di Don Bosco, don Vito Piccinonna, direttore Caritas di Bari/Bitonto, don Francesco Preite, direttore dell’Istituto Salesiano Redentore di Bari e don Francesco Mitidieri della Chiesa Corpus Domini di Taranto e cappellano del carcere del capoluogo jonico.

La conversazione si terrà in diretta sulla pagina Facebook di Radici Future Produzioni https://www.facebook.com/radicifuture, sul canale YouTube di Radici Future https://bit.ly/3jsELUo e su www.lieskill.eu.

Il Festival LegalItria, ideato dalla cooperativa Radici Future Produzioni e realizzato in collaborazione con l’Associazione LegalItria, è promosso dal Senato della Repubblica, dalla Regione Puglia e dai Garanti regionali dei diritti delle persone private della libertà e dei diritti del Minore.

Tagged