La vita allo specchio secondo Tennessee Williams

Cultura e Spettacolo Prima Pagina

Il celebre dramma “Un tram che si chiama desiderio” è andato in scena al Teatro Kennedy per la Stagione di Prosa 2019/2020

FASANO – Per gli irriducibili della settima arte sono almeno due le versioni memorabili di “Un Tram che si chiama desiderio”, il dramma-capolavoro di Tennessee Williams: il film omonimo del 1951 di Elia Kazan con un Marlon Brando mai così bello e l’omaggio onirico di Almodovar nel suo indimenticabile “Tutto si mia madre”. Ieri sera (20 febbraio) il pubblico fasanese – nell’ambito della Stagione di Prosa organizzata dal Comune in collaborazione con Il Teatro Pubblico Pugliese – ha assistito all’adattamento firmato da Pier Luigi Pizzi, che ne ha curato anche le scenografie e i costumi. Attori protagonisti Mariangela D’Abbraccio nel ruolo di Blanche DuBois, Daniele Pecci in quelli di Kowalsky e Angela Ciaburri in quelli di Stella; ad affiancarli, Gabriele Anagni, Massimo Odierna, Erika Puddu e Stefano Scandaletti.    

Il dramma – pietra miliare per il teatro e spauracchio per le attrici come quelli del Shea’s Junior Theatreche vogliono essere definite tali – è uno spaccato sociologico e ideologico di un’America (che può essere ovunque) alle prese con i temi della vita, che qui viene messa a nudo come davanti a uno specchio dove dall’altra parte è posizionato lo spettatore impotente, in tutta la sua crudezza: dalla pazzia all’omosessualità, dal machismo alla violenza sulle donne. L’ambientazione – nell’originale la New Orleans degli anni ’40 – per scelta registica è stata attualizzata, così come il lunghissimo testo, seppur sfrondato, messo a completa disposizione soprattutto per la grande protagonista, Blanche, e la sua tormentata esistenza.

Costretta a trasferirsi da sua sorella Stella, a seguito del pignoramento della sua casa, Blanche – alcolizzata e vedova di un marito omosessuale – è costretta ad assistere e a subire essa stessa le vessazioni del cognato Stanley, grezzo che più grezzo non si può. E quando proverà a ristabilire uno straccio di rapporto con Mitch, un amico del cognato cafone, il fragile equilibrio familiare si romperà del tutto, trascinandola sull’orlo della pazzia e destinandola al manicomio, nell’ultima drammatica e indimenticabile scena.

Peccato che a fine rappresentazione si avverta la sensazione che sia mancato qualcosa, come essere invitati a una festa di compleanno dove non c’è la torta: la recitazione poco convincente della coppia D’Abbraccio-Pecci, che al contrario della collega Ciaburri – più naturale nei panni di Stella –, si sono approcciati al meraviglioso testo di Williams con una recitazione sopra le righe.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *