I 30 anni della Pro Selva: «Un percorso di speranza per un luogo che ci appartiene»

Cultura e Spettacolo Prima Pagina

Si è celebrato ieri il trentennale dell’Associazione Pro Selva

SELVA DI FASANO – Dopo il Concerto della banda ‘Ignazio Ciaia’ organizzato lo scorso luglio nella rotonda di Marianna La Varra alla Selva, di fronte a un panorama mozzafiato, il sodalizio, presieduto da Rosanna Petruzzi Lozupone, ha celebrato il trentesimo anniversario ieri alle 11.30 con una Santa Messa presso la chiesa Trullo del Signore della Selva. Nonostante l’ingresso contingentato e l’obbligo della mascherina, vi è stata un’alta partecipazione anche da parte dei rappresentanti istituzionali, tra tutti il Sindaco Francesco Zaccaria.

L’Associazione Pro Selva ha compiuto 30 anni di attività, un traguardo prestigioso che testimonia la perseveranza del sodalizio che fin dal 1990, anno di sottoscrizione dell’atto costitutivo, si impegna con i propri soci per rendere più accogliente, bella e attrattiva la collina di Fasano.

Dopo la celebrazione, si è svolto presso il Boho caffè un breve incontro con rinfresco, insieme ai giornalisti, per brindare alle tante iniziative messe in cantiere in questi decenni, tra cui il recupero e la gestione degli spazi esterni di Villa Damaso Bianchi, “il Minareto”.

Inoltre, per celebrare il trentennale, il sodalizio ha realizzato e omaggiato i presenti con un set di artistiche cartoline, opera della giovanissima artista Giulia Recchia – di soli 16 anni – che ha riprodotto a pastelli gli scorci più caratteristici della Selva.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *