Frode del Gpl: nei guai tre fasanesi, uno finisce ai domiciliari

Cronaca Prima Pagina

Operazione della Guardia di Finanza

FASANO – Dalle prime luci dell’alba di questa mattina la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Brindisi, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Brindisi, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare personale, emessa dal Gip presso il Tribunale di Brindisi nei confronti di otto indagati, residenti nelle province di Brindisi, Bari e BAT, (quattro sottoposti agli arresti domiciliari e quattro all’obbligo di dimora), nonché al decreto di sequestro preventivo di un opificio industriale sito a Corato (BA).
In totale gli indagati sono 16, di cui tre sono fasanesi: N.T. di 45 anni (finito agli arresti domiciliari), O.B. di 42 anni (sottoposto ad obbligo di dimora) e A.S.W. di 38 anni.

Le indagini hanno permesso di scoprire un sodalizio criminale, operante sull’intero territorio regionale, dedito alla appropriazione indebita di bombole di Gpl (gas propano liquido), riconducibili a marchi noti a livello nazionale; la consequenziale ricettazione delle stesse bombole (ritinteggiate al fine di mascherarne ulteriormente la provenienza) e confezionamento del Gpl in violazione delle norme di settore (i sigilli di garanzia sono risultati contraffatti); la commercializzazione dei contenitori in evasione di imposta e con l’intento di frodare il consumatore finale, traendolo in inganno su origine, qualità e quantità di prodotto stoccato all’interno di ogni singola bombola.

All’esito della complessa attività investigativa, nel corso della quale erano già state sequestrate circa 1000 bombole contenenti oltre 12.000 kg. di Gpl, 7.000 bombole vuote di varie marche illecitamente detenute, 800 sigilli di una società nazionale operante nel settore, è stata emessa la ordinanza di misura cautelare, nella quale si contestano agli indagati, tra l’altro, i reati di associazione per delinquere, frode nell’esercizio del commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, appropriazione indebita, ricettazione e autoriciclaggio.

Le indagini testimoniano il concreto e costante impegno delle Fiamme Gialle Brindisine, coordinate dalla Procura di Brindisi, nel contrasto della concorrenza sleale basata su comportamenti illeciti di taluni operatori economici, i quali cercano di avvantaggiarsi sul mercato a scapito di imprenditori onesti e mettendo a rischio l’incolumità e la salute di ignari clienti, convinti di acquistare merce sicura ritenendola riconducibile a imprese leader del settore.

Tagged

Lascia un commento