Ancora furti in abitazione e incendi di auto, ma i cittadini collaborano poco e male

Cronaca Prima Pagina

Continuano i furti e i tentativi di furto soprattutto nelle località collinari fasanesi

FASANO – Non accenna a placarsi la escalation di furti e tentativi di furto in abitazione sul territorio fasanese.

I raid notturni partiti alcune settimane fa da Montalbano stanno continuando nelle località collinari fasanesi, nonostante l’aumento consistente di controlli da parte di Carabinieri (con l’ausilio dell’Esercito) e della Guardia di Finanza.

Negli ultimi giorni sarebbero stati diversi i tentativi di furto compiuti in abitazione nella zona della Selva di Fasano. Si parla di diversi casi, anche se ieri ne erano stati denunciati solo due.

Ladri, dunque, sempre più spavaldi che non solo non si spaventano a penetrare in abitazioni dove all’interno c’è gente che dorme, ma che stanno sfidando ogni notte le forze dell’ordine.

Qualche giorno fa i ladri avevano visitato numerose abitazioni tra Laureto, Canale di Pirro e Cocolicchio.

Ultimamente si sarebbero spostati a Selva di Fasano.

In molti dei casi verificatisi, i ladri sono stati messi in fuga dagli impianti di allarme, o dagli stessi proprietari delle abitazioni svegliati dai rumori.

L’allarme furti in abitazione, dunque, si sta estendendo a macchia d’olio su tutto il territorio comunale.

In tutto ciò, però, non si può non evidenziare come la collaborazione dei cittadini con le forze dell’ordine – che in questi casi è fondamentale per segnalare in tempo reale persone, auto e movimenti sospetti – è quasi nulla.

Molti cittadini non denunciano nemmeno i tentativi di furti, quindi le forze dell’ordine non hanno chiara la situazione.

Altri cittadini segnalano con diverse ore di ritardo situazioni sospette. Altri preferiscono scriverlo su Facebook senza, però, informare le autorità preposte.

E questo non agevola certo il lavoro delle forze dell’ordine, che se avvertite in tempo reale possono inviare sul posto uomini e mezzi nel tentativo di bloccare eventuali persone sospette.

Chi segnala, ad esempio, situazioni sospette avvenute nella notte solo al mattino successivo non aiuta di certo gli investigatori. Anzi sembra farlo più per mettersi a posto con la coscienza che per rispondere ad un preciso dovere civico che deve essere insito in ogni cittadino.

L’altra notte (tra mercoledì e giovedì), inoltre, si è verificato un incendio di auto nel centro di Fasano. Intorno alle 2 della notte è andata a fuoco, per cause in corso di accertamento da parte dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri, una Nissan Micra parcheggiata in via Valeriano L’abbate nella zona 167 della città. Anche su questo episodio stanno indagando i Carabinieri.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *