Spari anti-storni e rumori molesti: una petizione per fermarli. Ma la legge ne consente l’uso

Attualità

I dispositivi non sarebbero vietati dalla legge, ma vanno rispettati residenti e animali domestici

FASANO – Una ventina di residenti di contrada Lamascopone a Fasano lamentano rumori molesti, “intensi e continui, che provengono da terreni e/o dalla sede di un’azienda agricola della zona”. Lo hanno fatto inviando una lettera, in data 1° marzo, al sindaco Francesco Zaccaria e al Comando della Polizia Locale.

“Da tempo – si legge nella missiva – le condizioni di vivibilità di contrada Lamascopone (a nordest del cimitero di Fasano, ndr) si sono progressivamente e fortemente deteriorate a causa di rumori molesti. Si tratta, in particolare, di forti e continui rumori assimilabili a veri e propri “spari” effettuati durante la giornata, finalizzati ad allontanare i volatili dalle colture, onde evitare danneggiamenti. I suddetti rumori – si legge sempre nella segnalazione inviata – superano verosimilmente la normale soglia di tollerabilità, in modo tale da non consentire ai residenti lo svolgimento delle normali attività casalinghe, il riposo durante il giorno e procurando negli animali domestici della zona un comportamento di insofferenza, tanto da sembrare terrorizzati”.

La missiva si conclude con la richiesta di “effettuare, senza ritardo, opportuni accertamenti e adottare conseguenti provvedimenti”, in base agli articoli 50 e 54 dlgs n.267/2000.

Gli agenti di Polizia locale ci informano che hanno in realtà già effettuato gli accertamenti dovuti. Tuttavia va sottolineato che l’uso dei cannoncini anti-storno a salve per allontanare i volatili è consentito dalla legge, purché vengano utilizzati senza arrecare disturbo alla quiete pubblica e alla fauna della zona. La normativa prevede comunque che il dispositivo sia il più possibile lontano da abitazioni e con la bocca di sparo non orientata verso residenze e comunque mai ad una distanza inferiore a 100 metri.

L’azienda in questione, quindi, è stata richiamata al rispetto delle regole per non disturbare la vita dei residenti e soprattutto salvaguardare la salute dei nostri amici a quattro zampe, da sempre terrorizzati dallo sparo di petardi e robe similari.

Tagged