Sicurezza a Fasano, Scianaro: “Il sistema di video sorveglianza non garantisce una copertura totale”

Attualità Secondo Piano

La nota del capogruppo dei Circoli Nuova Fasano a margine della conferenza sul tema della sicurezza tenutasi lo scorso 29 dicembre

FASANO – “È quanto mai opportuno che il cittadino conosca anche l’altra faccia della medaglia, dopo l’esito della conferenza dei capigruppo del 29 u.s. sul “tema sicurezza nel territorio di Fasano”, convocata dopo i noti fatti avvenuti in città”. A dichiararlo è il capogruppo dei Circoli Nuova Fasano Antonio Scianaro. 

“Quello che abbiamo appreso – continua Scianaro – attraverso i media sull’esito della riunione è il solo il rovescio della medaglia, infatti quello che è emerso ascoltando le dichiarazioni del Comandante della Polizia Locale dott.ssa Maria Rosaria Speciale, e che i cittadini è giusto che sappiano, è che a Fasano e frazioni con un sistema di video sorveglianza composto da 54 telecamere, 19 sono le telecamere sicuramente funzionanti perché collegate alla rete, 22 non garantirebbero il pieno funzionamento per ragioni legate alle limitazioni derivanti dalla rete Wi-Fi, le restanti sono fuori uso.

Quindi si deduce che il sistema di video sorveglianza nelle migliori condizioni di funzionamento garantisce una copertura al 75%, che scende al 35% se il sistema Wi-Fi non trasmette.

Ci duole constatare in maniera evidente che in più di cinque anni nulla si è fatto in termini di manutenzione straordinaria e aggiornamenti tecnologici per porre rimedio a questa delicatissima questione, tranne come riferito dal sindaco in aula, un confronto con tecnici del settore solo nell’ottobre u.s. al fine di valutare interventi da porre in essere per il pieno funzionamento del servizio.

Valutando quello che si è speso in materia di “SICUREZZA” in quest’ultimo quinquennio possiamo solo constatare che tante sono state le spese inutili ed inopportune: acquisto di nuove pistole, di giubbotti antiproiettili, di manganelli, di moto di seconda mano quando il corpo era già dotato di mezzi nuovi mai utilizzati, il sistema di lettura targhe ancora non funzionante nonostante i costi di attivazione e gestione già in corso.

È grave che la politica ed in primis l’assessore alla Polizia Municipale in tutti questi anni, non abbia mai vigilato e dato indicazioni su questo delicato argomento.

Anche in merito alla questione della partecipazione del Comune di Fasano al Pon Sicurezza, come dichiarato dall’ex Comandante della Polizia Locale nell’ottobre del 2020, attendiamo da parte del nuovo Comandante la documentazione che attesti la partecipazione a questo finanziamento e l’esito della procedura.

Confidiamo nell’impegno del sindaco così come ha riferito in aula durante la conferenza dei capigruppo, che in tempi rapidissimi il sistema di video sorveglianza torni efficiente al 100% con gli opportuni aggiornamenti tecnologici, e che di pari passo si proceda al potenziamento della rete, anche in zone strategiche prive di video sorveglianza.

Vigileremo affinché si faccia presto, sulla sicurezza non si possono fare sconti!”

Tagged