“Senso Civico per la Puglia”, un convegno a Fasano su ambiente e ruolo della sanità

Attualità Secondo Piano

L’evento è stato illustrato ieri mattina in Consiglio Regionale

FASANO – L’associazione politica “Senso Civico per la Puglia” avvia il suo cartello programmatico “verde” iniziando da sabato 19 ottobre con il convegno “Ambiente e cronicità, il ruolo della Sanità e delle Istituzioni”, a partire dalle ore 9 con due distinte sessioni nella Rsa Canonico Rossini di via Gravinella a Fasano.

L’evento è stato illustrato ieri mattina in Consiglio Regionale dall’assessore regionale alla Pianificazione Territoriale, Alfonso Pisicchio, dal presidente della III Commissione Sanità, Pino Romano, dai consiglieri regionali Giuseppe Turco e Sabino Zinni e dal dottor Emanuele Vinci, dirigente nazionale di ISDE Italia, l’associazione Medici per l’Ambiente riconosciuta dalle Nazioni Unite e dall’OMS.

Buone pratiche ambientali, sicurezza alimentare e politica del riuso. Tre fattori indispensabili per la promozione della salute e della qualità della vita. Ma anche tre “no” centrali a plastica, carbone e pesticidi per incentivare energie rinnovabili e pulite.

«Poniamo il tema del benessere dei cittadini. I dati epidemiologici fanno emergere che le aspettative di vita tra residenti del centro e della periferia è differente di ben tre anni, che diventano cinque nel rapporto tra Nord e Sud. Noi partiamo da questi dati perché parlare di ambiente significa parlare di ecologia integrale, ma anche di questione sociale. “C’è un grido della Terra e dei poveri” è il monito di Papa Francesco – spiega Pino Romano – Per questo nel nostro programma vogliamo recuperare i terreni abbandonati, le cave dismesse, i terreni infertili. Dare respiro all’agricoltura e recuperare la legge regionale sulle cooperative di comunità sulle energie rinnovabili come accade nel resto d’Europa. Snellendo però le procedure burocratiche».

«Vogliamo dare una risposta chiara – spiega l’assessore Alfonso Pisicchio – alle istanze di questo movimento spontaneo, nato dal basso, che chiede un’economia più pulita, un pianeta che tuteli le sue bellezze ambientali e paesaggistiche. Per questo i prossimi programmi elettorali dovranno contenere proposte sulle politiche green. E come Regione Puglia dobbiamo promuovere il riuso, dobbiamo fermare l’uso selvaggio del suolo. Solo così possiamo intraprendere la vera lotta ai cambiamenti climatici».

«Non a caso – osserva il dottor Emanuele Vinci – c’è stata una trasformazione dei bisogni assistenziali, legati soprattutto alla cronicità e alla non autosufficienza per diverse patologie causate da fattoi ambientali. Ad esempio l’incidenza dell’Alzheimer è legata all’inquinamento atmosferico. I pesticidi condizionano la vita, il calo della fertilità».

«Come medico – aggiunge Giuseppe Turco – non posso non sostenere simili iniziative. La qualità della vita è centrale nelle politiche di governo perché riguardano il sociale, l’occupazione, l’economia e lo sviluppo di un Paese. Noi come Regione Puglia stiamo sostenendo le fragilità, penso da esempio alla mia battaglia portata a termine sul certificato oncologico introduttivo, che semplifica le procedure per i pazienti. Bisogna fidarsi della scienza, della ricerca e dei medici».

«Queste nuove sfide ambientali – sottolinea Sabino Zinni – consegnano un dato politico chiaro: è necessario che la politica smetta di guardare il proprio ombelico e guardi alle questioni che intercettano la vita delle persone. Spesso si guarda poco ai reali bisogni delle comunità e per questo con Senso Civico offriamo un’attenzione più capillare alle istanze dei territori pugliesi. Ogni comunità è per noi centrale».

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *