“Quando sarà tutto finito…”, versi in quarantena del fasanese Gerry Moio

Attualità Prima Pagina

Quando finirà questo tormento?

FASANO – Pensieri tragicamente spensierati dalla quarantena. Questi sono i versi del fasanese Gerry Moio, il quale ha inteso condividerli con tutti noi.

QUANDO SARÀ TUTTO FINITO

Se c’è una cosa che più di tutte si chiede l’italiano
In questo periodo di isolamento
È capire piano piano
Quando finirà questo tormento

Quando sarà tutto finito…
Eh! E quando sarà tutto finito?
Questo ad oggi è poco meno di un’opinione,
e soprattutto è fuori da ogni immaginazione

“Quando sarà tutto finito – disse il uappo di cartone – levatevi di mezzo,
che solo il pensiero mi gasa…
… è già assai che mo’ sto rimanendo a casa!”

“Quando sarà tutto finito – disse il medico di paese – guai a comportarci come prima!
Al posto del gin tonic, compratevi una mascherina!”

Quando sarà tutto finito non voglio più vedere una fila,
ma la mia priorità sarà quella di cambiare consonante!

“Quando sarà tutto finito – disse un grande lavoratore – la mia preoccupazione
È andare al bar… TUTTA gliela devo lasciare la disoccupazione!”

“Bravo il fesso, disse un suo amico intellettuale – quando sarà tutto finito,
io mi metto in malattia… capace che qua di nuovo ci vogliono far lavorare!”

“Voi pensate ai cazzi vostri e neanche ringraziate il cielo,
che devo dire io, che nessuno mi pensa, visto che lavoro in nero?!”

Quando sarà tutto finito spero sia ad aprile,
anche perché mai come quest’anno,
non ce la sto facendo più a vedermela io…e il mese di marzo!

“Quando sarà tutto finito – disse un saggio- devo prendere la macchina
E la guiderò come una Ferrari… quanto mi mancano le strisce pedonali!

Quando sarà tutto finito, spero si dia più valore ai soldi!
Che il senso del sacrificio non sia più scambiato per avarizia,
spero di non sentire più “mamma mia, stai proprio attaccato all’euro!
Qual è il problema? Te li do io 10 euro!”

“Quando sarà tutto finito – disse il politico radicale – saremo tutti compagni!”
“Al massimo…amici!” – rispose il politico conservatore!

Quando sarà tutto finito spero di trovare in giro più gente igienica,
perché prima, di gente di merda, ce n’era troppa!

Quando sarà tutto finito, credo che gli unici a beneficiare dei tagli…
Saranno i barbieri!

Quando sarà tutto finito, mi auguro venga rivisto il sistema sanitario,
si pensi di più ai medici e agli infermieri,
perché ad oggi, alla parola “SANITÀ” pare manchi una T.

Quando sarà tutto finito, spero di ricordami di tutte quelle persone a cui dissi,
nella prima settimana di febbraio: “La settimana prossima ci organizziamo e ci vediamo”.

Quando sarà tutto finito, mi auguro che non sarà tutto finito.
Anche se forse ce lo meritiamo e sapete perché?
Perché mi guardo intorno, leggo, sto zitto e penso con imbarazzo:
“Vuoi vedere che quando sarà tutto finito, non cambierà un cazzo?”.

Fasano, 25 marzo 2020

Giorno 15 di quarantena

Gerry Moio

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *