Progetto “HERMES”, il comune annulla la procedura di gara: tutto da rifare

Attualità Prima Pagina

Il tempo stringe e ora si rischia di perdere importanti finanziamenti comunitari

FASANO – “Ancora soldi per ampliare l’offerta turistica di qualità del territorio fasanese”. Con queste parole il sindaco Zaccaria, il 10 ottobre 2018, annunciava il progetto l’adesione del Comune di Fasano a un importante finanziamento per la valorizzazione di Lama d’Antico e del collegamento con Egnazia, rientranti nel programma Grecia-Italia 2014/2020, finanziato con i Fondi europei di sviluppo regionale.

Passati due anni, tuttavia, ci si ritrova punto e a capo.

Il Comune di Fasano, infatti, con determina risalente al 10 giugno di quest’anno, ha proceduto con l’annullamento in autotutela della procedura di gara e revoca della richiesta di offerta sul Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA), per l’affidamento dei servizi di assistenza tecnica (coordinamento, rendicontazione, monitoraggio ed implementazione) e servizi di promozione e comunicazione, nell’ambito proprio del progetto “Heritage Rehabilitation as Multiplier cultural Empowerment within Social contest” (di qui l’acronimo HERMES), un programma della durata di 24 mesi e che dovrebbe terminare il prossimo 19 maggio 2021.

Alla procedura di gara erano giunti cinque riscontri, dunque cinque diverse offerte, ma è stata avviata (e non completata) la fase dell’esame della documentazione amministrativa presentata dagli offerenti, al fine di verificare i requisiti per la partecipazione alla gara.
Inoltre “da una analisi della procedura – si legge nella determina di annullamento – è emersa una errata quantificazione delle risorse finanziarie assegnate al Comune di Fasano, in quanto successivamente rideterminate in fase di negoziazione”.

Adesso, dunque, è tutto da rifare. Con il rischio, se si dovesse far tardi, non solo di perdere il finanziamento, ma di arrecare un danno all’interesse pubblico.

Lascia un commento