Porto di Savelletri, consegnati i lavori per la riqualificazione dell’area

Attualità Secondo Piano

Ieri la conferenza stampa nel piccolo borgo marinaro

SAVELLETRI – Si è tenuta ieri mattina, giovedì 7 gennaio, la conferenza stampa di apertura ufficiale del cantiere per la riqualificazione del porto di Savelletri. Sul braccio sud del porto erano presenti il sindaco Francesco Zaccaria, l’assessore al Demanio e Porti Giuseppe Galeota e il dirigente al ramo, Rosa Belfiore insieme ai rappresentanti della ditta che realizzerà i lavori, la Edil Pro di Brindisi.

«Quello che presentiamo oggi deriva da una scelta politica ben precisa, qual è stata quella di cambiare Gal nel 2017 – ha affermato il sindaco – Facevamo parte del Gal Alto Salento e dovevamo condividere i finanziamenti con le altre marine. Oggi invece, essendo nel Gal Valle d’Itria, siamo l’unico comune Gal con lo sbocco sul mare e abbiamo potuto usufruire di questo finanziamento di 400mila euro».

I lavori prevedono una pavimentazione in pietra, l’installazione di panchine e fioriere, nuova illuminazione, cestini portarifiuti, 4 rastrelliere per il parcheggio delle biciclette, chioschi e pergolati per la vendita del pescato del giorno e bagni pubblici.

«È una giornata importante perché l’apertura di un cantiere è motivo di grande soddisfazione, rappresenta lavoro e futuro» ha aggiunto poi il primo cittadino.

«La riqualificazione dei bracci del molo è studiata per dar vita a spazi da vivere – hanno spiegato i tecnici, ing. Giuseppe Marangi e arch. Claudio Convertino – Oltre ad essere utilizzati per promuovere le attività legate alla pesca, gli spazi potranno anche essere dedicati alla lettura con l’installazione di panchine vicino ai lampioni, insieme a gazebo e attrezzature per allacci di eventuali bancarelle. Saranno spazi per creare situazioni più idonee a iniziative per il rilancio del territorio».

L’intervento parte oggi e sarà concluso entro il mese di maggio per offrire già in estate i nuovi servizi.

«120 giorni di lavori – ha continuato l’ing. Belfiore – abbiamo dovuto attendere il dissequestro dell’area e la consegna delle aree demaniali per poter cominciare».

La parola è poi passata all’assessore Galeota: «Un cantiere che mai come questa volta coniuga le due anime di questa frazione: tradizione, costituita da famiglie che vivono di pesca, e vocazione turistica che in questi anni ha assunto una valenza sempre più netta.

Con questo progetto ci auguriamo di aver migliorato la vita di una comunità ma anche quella dei turisti che torneranno e diffonderanno il verbo della bellezza del nostro territorio».

Prima di concludere la conferenza stampa con le dovute firme sugli atti ufficiali, il sindaco ha ricordato che fra qualche giorno, dopo aver chiuso l’istruttoria con la Regione Puglia, dovrebbe giungere il finanziamento di 3 milioni e mezzo previsti per il dragaggio, un procedimento portato avanti dal 2017.

Lascia un commento