Melissa, la piccola fasanese affetta da SMA che ha bisogno dell’aiuto di tutta la città

Attualità Prima Pagina

I genitori, con l’ASD Giovanni Custodero – Il Guerriero Sorridente, hanno avviato una raccolta fondi per coprire le spese sanitarie. Ecco come donare

FASANO – Ogni bambino ha diritto a una vita felice, fatta di gioia e sorrisi. Questo è ciò che spetta anche alla piccola fasanese Melissa Nigri. La bambina è affetta però da una malattia molto grave: la SMA di tipo 1, diagnosticatale a soli 7 mesi. Melissa ora di mesi ne ha compiuti quasi 9 e ha bisogno di una cura molto costosa per poter lasciarsi alle spalle questa patologia.

Mamma Rossana e papà Pasquale hanno così dato il via a una raccolta fondi, “Un futuro per Melissa”, raccontando la sua triste storia e invitando quante più anime buone a dare una mano per una giusta causa.

La SMA è una malattia degenerativa e quella di tipo 1 è la forma più grave. I bambini affetti da SMA di tipo 1 non riescono a sedersi senza supporto e a sollevare la testa, hanno difficoltà a deglutire, respirare e alimentarsi. Purtroppo, la maggior parte dei bambini non sopravvive oltre i due anni di età.

L’unica soluzione è il Zolgensma, farmaco gratuito in Italia fino ai 6 mesi di età (elargito, per ora, ad uso compassionevole). Melissa perciò dovrà acquistarlo e ha bisogno di raggiungere una cifra pari a 2.100.000 dollari, essendo una terapia americana.

“Questo farmaco – spiega la mamma – migliorerebbe la sua qualità di vita al 90%. Non possiamo restare a guardare, per questo ci proviamo. Un piccolo contributo da parte di tutti potrebbe salvare la vita di un piccolo angelo che non merita tutto ciò”.

È possibile donare cliccando sul seguente link: https://www.gofundme.com/f/aiutiamo-la-piccola-melissa?utm_source=whatsapp-visit&utm_medium=chat&utm_campaign=p_cp+share-sheet

oppure tramite bonifico:
– IBAN IT28F0326825801052113371850 – intestato a Pasquale Nigri
Causale: Un futuro per Melissa

Tagged

1 thought on “Melissa, la piccola fasanese affetta da SMA che ha bisogno dell’aiuto di tutta la città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *