Lavori in via Bertani, Schena apre un’interrogazione: “Si spieghino i motivi dei ritardi”

Attualità Prima Pagina

L’interrogazione sarà oggetto di discussione nel prossimo consiglio comunale

FASANO – È ormai passato un anno dall’inizio dei lavori di riqualificazione in via Bertani, a Pezze di Greco, ma ancora non si intravede un’ultimazione dei lavori, in netto ritardo rispetto alla scadenza dei 140 giorni prefissata. È questo il punto dell’interrogazione che Mario Schena, consigliere comunale di Forza Italia, presenterà al prossimo consiglio comunale.

“Il contratto del 9 novembre 2020 – si legge nella nota a mezzo stampa inviata dal consigliere – a firma del Dirigente del Settore lavori pubblici ha determinato l’inizio dei lavori di riqualificazione di Via Bertani e di altre vie del centro urbano di Pezze di Greco. 

Questi però, nonostante non siano ancora conclusi, hanno determinato un gran malcontento tra i cittadini frazionali di Via Bertani e non. Sin dallo scorso settembre, questi ultimi lamentavano l’inopportunità di numerosi interventi messi in atto su quella che rappresenta una delle arterie principali della frazioni vista la presenza della scuola e dell’ufficio postale. 

In particolare con un’interrogazione che ha come firmatari Mario Schena, seguito da Laura De Mola e Lello Di Bari si interroga l’amministrazione circa:
– la canalina di scolo installata, la quale appare insufficiente al regolare deflusso della massa d’acqua piovana che si genera durante il periodo invernale lungo Via Bertani, creando notevoli disagi ai fruitori e ai residenti;
– Gli stalli per le soste delle auto, sino all’incrocio con Via Cesare Beccaria, i quali risultano essere stati eliminati con notevolissime problematiche per le attività commerciali presenti, che scontano così una minore appetibilità da parte dei propri utenti oltre che disagi nel carico e scarico delle loro merci;
– L’allargamento della carreggiata determina l’incremento della velocità da parte degli automobilisti, con deciso nocumento dei residenti della strada e degli utenti degli esercizi commerciali che hanno i loro accessi a filo strada.

Inoltre, a seguito di regolare accesso agli atti, è risultato daI verbale di consegna dei lavori sottoscritto il 23 novembre 2020 un tempo di esecuzione dell’opera di 140 giorni e quindi la data di ultimazione dei lavori risultante dal documento era fissata al 19 aprile 2021. 

Il Comune poi, ha successivamente concesso una proroga di 30 giorni fissando la nuova data di ultimazione al 19 maggio 2021. Ad oggi, marzo 2022, il cantiere risulta aperto. 

Schena, con i consiglieri De Mola e Di Bari interrogano il dirigente competente in materia, richiedendo una risposta orale e urgente per conoscere la data in cui è prevista l’ultimazione dell’opera e le motivazioni del ritardo accumulato e se sussistono i presupposti tecnici ed economici per soddisfare le esigenze della popolazione.”

Da più di tre mesi – afferma il consigliere di Forza Italia – seguo per via diretta e indiretta le vicende legate ai lavori messi in atto su Via Bertani. Spiace constatare quanto accade ogni qualvolta le precipitazioni fanno sì che le canaline installate non contengano il flusso dell’acqua piovana e, un po’ come i numerosi cittadini residenti richiedevano in una lettera dello scorso dicembre, speriamo che la strada che porta a due servizi essenziali per la nostra città si renda al più presto sicura ed agevole per bambini e utenti del servizio postale. L’aver ristretto il marciapiede non consente per un lungo tratto il passaggio di carrozzelle per portatori di handicap. La mancanza di dissuasori o rallentatori di velocità crea un grande pericolo per tutti i bambini che giornalmente percorrono Via Bertani per raggiungere la scuola. 

Che sia attraverso dei lavori pubblici, o con un piano di viabilità, spero vivamente che si ponga fine a tale situazione di disagio irrispettosa nei confronti degli abitanti e pericolosa per ciascun utente della strada.

Tagged