Il primo commento di Giuseppe Ancona: «La festa patronale rischiava di saltare»

Attualità Prima Pagina

Il fasanese torna alla guida dell’organizzazione e promette: «Nessun politico nel comitato»

FASANO – Giuseppe Ancona torna a ricoprire il ruolo di Presidente del Comitato Festa Patronale. È stata diffusa ieri sera l’ufficialità dell’incarico per mezzo della lettera che il priore Don Sandro Ramirez ha inviato ad Ancona.

«Comincio questa nuova avventura – ha commentato Giuseppe Ancona – Perché sono stato scelto nuovamente? Forse per la mia precedente esperienza o per la mia vicinanza alla chiesa. Ho accettato dopo due mesi di “pressioni” da parte di tutti i parroci di Fasano. Anche il vescovo Favale mi ha chiesto di prendere in mano le redini del Comitato. Il clero mi ha assicurato il suo supporto. Ho infatti richiesto anche la partecipazione delle Confraternite fasanesi perché rappresentazioni attive della chiesa.

Come primo passo, bisognerà comporre il nuovo Comitato. Niente politici, una delle mie premesse. Voglio rendere più laico possibile l’ente, espressione della chiesa al 100%. Domenica dovrei già incontrare chi mi ha offerto le prime disponibilità.

Dopo la creazione del Comitato, mi rivolgerò certamente al sindaco e all’Amministrazione comunale sperando abbiano preventivato, come lo scorso anno, un buon contributo per la festa per permetterci di stilare una programmazione più importante in fatto di artisti e luminarie.

Spero inoltre, e soprattutto, che la città prenda a cuore la festa. Quest’anno, come quello passato, era sul filo del rasoio, stava per saltare. Diventa una situazione sempre più difficile perché la città non risponde economicamente come dovrebbe.

Intanto il 4 aprile, il vescovo ha convocato il clero in mattinata e le confraternite nel pomeriggio per richiedere un maggiore supporto».

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *