Gazzetta del Mezzogiorno, De Mola: «Vicina ai giornalisti, baluardo di democrazia»

Attualità Secondo Piano

La coordinatrice provinciale di Forza Italia chiede una soluzione immediata a sostegno dei collaboratori della nota testata giornalistica

BRINDISI – “Apprendo dalla lettera apparsa sulla Gazzetta del Mezzogiorno, a firma dei giornalisti collaboratori di Puglia e Basilicata del medesimo storico quotidiano, che gli stessi continuano a svolgere il loro lavoro non percependo, ad oggi, il dovuto stipendio oramai da ben tredici mesi”.

Lo dichiara Laura De Mola, coordinatrice provinciale di Forza Italia, che chiede con forza una soluzione immediata a sostegno dei dipendenti della nota testata giornalistica.

“È appena il caso di sottolineare – insiste la De Mola – che oltre a non trattarsi di volontariato, si tratta di un lavoro fondamentale per l’esistenza stessa di una informazione chiara, trasparente ed indipendente, perno centrale del nostro sistema democratico ad ogni livello, sia fuori che dentro le istituzioni. Il diritto dei cittadini ad essere informati su quanto accade in tutto il nostro territorio, non può che passare attraverso la tutela di collaboratori giornalistici oramai privati di ogni forma di tutela e rispetto verso la loro importante opera, prestata al servizio dell’intera comunità.
Non contesto le scelte che spingono l’editore ad aprire il processo di liquidazione della società: contesto la mancata tutela ed il mancato pagamento di oltre un anno di lavoro nei confronti di giornalisti che non hanno mancato, con spirito di abnegazione, di continuare a tutelare il diritto all’informazione di tutti noi. Un diritto – sottolinea la coordinatrice – Costituzionalmente riconosciuto”.

Forza Italia auspica una presta risoluzione della problematica e fa giungere ai collaboratori di Basilicata e Puglia della Gazzetta del Mezzogiorno, un messaggio di vicinanza e solidarietà in questo difficile momento, ancor più accentuato dalla drammatica situazione che tutto il nostro paese si ritrova a dover affrontare.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *