Fasano “Citta Smart in Blu” a misura dei bambini autistici

Attualità Secondo Piano

Il progetto presentato ieri a Palazzo di Città

FASANO – Fasano diventa ufficialmente “Citta Smart in Blu” aderendo all’iniziativa al fianco dei bambini e ragazzi autistici. Il progetto è stato presentato ieri mattina, mercoledì 20 gennaio, nella Sala Consiliare del Palazzo di Città alla presenza dell’assessore alle Pari Opportunità Cinzia Caroli, del coordinatore Confesercenti Fasano Sante Cofano e del presidente dell’associazione “Il Bene che ti Voglio” Alessandro Cazzato, sodalizio promotore dell’idea.

«Con questa adesione, vogliamo sensibilizzare l’intera città sul tema dell’autismo facendo sì che sia a misura di bambini e ragazzi autistici – ha dichiarato l’assessore Caroli – Vogliamo che Fasano diventi una città adatta alle loro esigenze».

Grazie alla collaborazione con Confesercenti, le attività commerciali aderenti potranno applicare un adesivo sulle loro vetrine permettendo ai possessori di un particolare “Pass Cortesia” di evitare la fila al di fuori dell’esercizio.

«Questo è solo un punto di partenza – ha affermato Cofano, in  rappresentanza di Confesercenti Fasano – Vogliamo partire dall’aiuto alle famiglie dei bambini che hanno disturbi dello spettro autistico, in quanto l’attesa per il proprio turno molte volte causa difficoltà al bambino e al genitore che deve effettuare l’acquisto».

«Un’esigenza che diventa un’iniziativa. Vogliamo definirlo un pass “gentilezza” per rendere la cortesia un gesto spontaneo. Fasano è il primo paese che ha sposato l’iniziativa nella provincia di Brindisi» ha aggiunto il presidente dell’associazione “Il Bene che ti Voglio”.

Per chi volesse ritirare il pass per famiglie, potrà recarsi al “CAT – Centro Autismo Territoriale” di Brindisi o presso gli uffici dei Servizi sociali del Comune.

«Non dimentichiamo che dietro un ragazzo disabile c’è una famiglia – ha voluto aggiungere una mamma, membro del sodalizio – Non dimentichiamoci tutte le difficoltà che dobbiamo affrontare nel quotidiano. Questa è una campagna di informazione per evitare che si creino disagi sociali con le famiglie».

L’assessore Caroli ha colto l’occasione per ringraziare il Coordinamento Associazioni in Rete Fasano e l’ApSi, associazione degli psicologi fasanesi, che sosterranno la realizzazione dell’iniziativa.