Don Sandro sul Consiglio comunale: «Mi sembra si sia toccato il fondo»

Attualità Secondo Piano

Il priore di Fasano interviene a titolo personale sulla vicenda

FASANO – Riceviamo e pubblichiamo una lettera firmata dal priore di Fasano don Sandro Ramirez in merito alla spiacevole vicenda accaduta in seduta di consiglio comunale.

“Voglio anzitutto chiarire che questo mio intervento non coinvolge minimamente i reverendi parroci e sacerdoti della città, né le comunità cristiane, né tanto meno il vescovo di Conversano-Monopoli di cui sono Vicario per la sola zona di Fasano Centro. Trattasi di intervento a titolo puramente personale.

Di una persona che è a Fasano, con incarico di responsabilità, da 18 anni, quando alcuni degli illustri componenti dell’assise consiliare fasanese erano poco più che adolescenti. Ho anche il compito di rappresentare legalmente una delle aziende con più alto tasso di occupazione del nostro comune. Ho conosciuto finora tre sindaci e un commissario prefettizio. Quattro consigli comunali, più di quattro giunte (visto l’avvicendarsi forse fisiologico degli assessori). Ho visto e sentito di tutto. Spero che nessuno si offenda se mi permetto di ricordare personalità politiche con incarichi importanti di cui molti dubitavano la capacità di andare oltre la propria firma. Venivano da un mondo in cui anche la scolarizzazione era stata difficile, ma non difettava almeno la buona educazione. Ho visto dibattitti, errori, avvisi di garanzia, processi, condanne e assoluzioni. Vi prego di darmi credito: non vengo dal mondo dei balocchi.

Avevo salutato con gioia la nuova assise consiliare, fatta di tanti giovani, di cui molti hanno avuto la fortuna di studiare e dalle cui famiglie (molte le conosco) hanno ricevuto la giusta e sana educazione ancora presente nella nostra società.

Purtroppo il pietoso scenario dell’ultimo consiglio comunale non è un unicum. Ormai da parte di  molti (anch’io ascolto i cittadini, di cui non devo “accarezzare” gli istinti, perché non ho bisogno del loro voto) si aspetta il consiglio solo per assistere alle varie performance. La ricerca dello scontro a tutti i costi, verbale ed ora anche fisico, sembra essere la regola. Alla maggioranza (se è una sola?) vorrei dire: è matematicamente impossibile che tutto ciò che facciate sia perfetto e non emendabile anche da chi la pensa diversamente da voi. E alle opposizioni (ne vedo due o tre diverse, più o meno responsabili) ripeto: è matematicamente impossibile che tutte le scelte fatte da chi ha avuto dal popolo il diritto/dovere di amministrare la città siano tutte sbagliate.

Il mio non è un giudizio, né vuole coinvolgere tutti e singoli i membri del consiglio comunale, ma è un’impressione: a me sembra che molti interventi si facciano solo ed esclusivamente per dire (a prescindere dal merito) il contrario della controparte, per guadagnare qualche like sui social e, lo ripeto, per il gusto di creare lo scontro che ci farà apparire sui giornali on line del giorno dopo. Ed è sempre mia impressione: quando si opera così si corre il rischio che  il bene comune (che supera la somma del bene delle parti, come insegna la grande tradizione della dottrina sociale della chiesa e tutta la corrente dell’umanesimo integrale) resti il grande assente!

Mentre il mondo vive una delle più grandi crisi sanitarie ed economiche… nel consiglio comunale di Fasano non si trova di meglio che usare un linguaggio e dei gesti che in altri tempi si sarebbero definiti da scaricatori di porto, se questa categoria non avesse nel frattempo guadagnato il diritto ad un maggiore rispetto e dignità.

Non ho la cultura generale e tanto meno politica e giuridica di molti che siedono in consiglio, per cui forse dico anche un’altra fesseria. Per me le parole hanno lo stesso valore dei gesti. Chi grida parole ingiuriose e vergognose o chi alza le mani per dare una spinta, oltre a dimostrare la propria pochezza e di non avere altri mezzi espressivi, è ugualmente censurabile e dovrebbe fare solo una cosa: vergognarsi. E se questo viene fatto verso una persona che ricopre un ruolo istituzionale (sia esso il sindaco o un consigliere di opposizione) la cosa è ancora più grave. Perché oltre alla mancanza di rispetto delle persone c’è la mancanza di rispetto dell’istituzione in cui ci si trova e quindi di ciascuno dei cittadini!

Mi sembra che si sia toccato il fondo. Ci sono due possibilità: o cominciare a scavare e cadere ancora più in basso, o, finalmente, rialzarsi, avere uno scatto di dignità e di orgoglio, mettere una pietra sul passato e cominciare una vita nuova di questa consigliatura. Sono un inguaribile ottimista, e nonostante tutto lasci pensare il contrario, io dico: siete ancora in tempo!

Chi deve chiedere scusa, per i suoi gesti da bullo di periferia o per le sue parole molto più che inopportune e irrispettose, lo faccia: senza preamboli, giustificazioni e inutili giri di parole. E se ci saranno queste scuse, e se saranno reciprocamente accettate senza condizioni, signor Sindaco, la prego: ritiri la sua querela. Perché avrà raggiunto lo stesso lo scopo: ridare dignità ad un assise che  merita questa dignità, perché la merita questo popolo generoso di Fasano.

Chiedo scusa se questo mio intervento (che, ripeto per chiarezza, è a titolo strettamente personale, da cittadino che abita, vota e paga le tasse a Fasano) può aver offeso qualcuno: se così è stato me ne dolgo profondamente. Datemi però credito almeno di questo: è dettato da un cuore che ormai da 18 anni appartiene a questa città, a cui ha donato (con tutti i propri limiti) ogni giorno il massino delle sue energie”.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *