Coronavirus, la Chiesa adotta misure precauzionali: vietato lo “scambio di pace”

Attualità Secondo Piano

Il messaggio del vescovo della diocesi, mons. Giuseppe Favale. La distribuzione della comunione avverrà sulla mano

FASANO – Anche la Chiesa adotta le misure necessarie per contrastare la diffusione del Coronavirus. A comunicarlo in merito al nostro territorio, è stato il vescovo della diocesi Conversano-Monopoli, mons. Giuseppe Favale: “E’ sotto gli occhi di tutti la preoccupante emergenza che ha colpito la nostra Nazione. Nel territorio della nostra Diocesi non sono stati registrati casi. Tuttavia, tenendo conto delle indicazioni recentemente espresse dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e degli orientamenti diffusi dalla Conferenza Episcopale Italiana, sollecito che in tutte le chiese ci si attenga alle misure precauzionali”.

Il vescovo infatti invita tutte le parrocchie a tener vuote le acquasantiere, omettere il gesto dello scambio di pace e distribuire la comunione sulla mano.

“Ritengo, inoltre, necessario, vista la chiusura delle scuole di ogni ordine grado nel nostro paese, sospende anche le attività di catechesi fino a 15 marzo – ha aggiunto mons. Favale – Non ritengo ci siano le condizioni per dover sospendere le celebrazioni eucaristiche. Anzi, non si trascuri di incrementare la preghiera per quanti sono stati colpiti da questa forma influenzale così aggressiva e di non far mancare parole di conforto e di speranza”.

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *